Altro
Cronaca

La DIA sequestra beni per circa 10milioni di euro a un imprenditore

  L'imprenditore è figura di spicco  della cosca Raso-Gullace-Albanese con funzione di comando della articolazione 'ndranghetistica in Liguria e in Piemonte.

La DIA  sequestra beni per circa 10milioni di euro a un imprenditore
Altro 14 Ottobre 2021 ore 15:14

L'uomo figura apicale della cosca 'ndranghetistica  Raso-Gullace-Albanese

La Direzione Investigativa Antimafia, su disposizione del Tribunale di Reggio Calabria ha eseguito un provvedimento di confisca di beni nei confronti di un imprenditore originario di Cittanova (Reggio Calabria) e del proprio coniuge.
La confisca ha interessato l'intero capitale sociale e il patrimonio aziendale di 4 società, 14 fabbricati e 41 terreni che si trovano in provincia di Savona e Reggio Calabria, conti correnti, beni mobili e posizioni finanziarie per circa 10 mln di euro.

L'imprenditore è figura di spicco  della cosca Raso-Gullace-Albanese con funzione di comando della articolazione 'ndranghetistica in Liguria e in Piemonte. La coppia era già stata tratta in arresto nel luglio 2016 nell'ambito della operazione antimafia denominata 'Alchemia' coordinata dalla Dda di Reggio Calabria, perché gravemente indiziati di associazione di tipo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione e intestazione fittizia di beni e società.

L'arrestato secondo gli inquirenti ha funzioni direttive nelle 'locali' costituite in Liguria e in Piemonte, manteneva i contatti con gli esponenti di spicco di altre articolazioni territoriali della 'ndrangheta e per la condivisione di interessi imprenditoriali e il riciclo di denaro sporco.

Nel 18 luglio 2020 era stato condannato dal Tribunale di Palmi (Reggio Calabria) a 18 anni di reclusione, ritenendolo colpevole di associazione a delinquere di stampo mafioso