Altro
Ambiente

Tar boccia il biodigestore di Saliceti per Spezia e Tigullio

Regione Liguria farà appello

Tar boccia il biodigestore di Saliceti per Spezia e Tigullio
Altro Rapallo - Santa Margherita, 04 Marzo 2022 ore 09:04

Il Tar Liguria ha accolto il ricorso, presentato dai Comuni di Vezzano Ligure e Santo Stefano Magra, contro l'impianto di un biodigestore in località Saliceti, che aveva ottenuto il via libera della Regione Liguria e della Provincia della Spezia. Nella sentenza emessa dalla seconda sezione del tribunale amministrativo, presieduta da Luca Morbelli, si afferma come illegittima "un'ipotesi localizzativa (coincidente con il sito di Saliceti) non compatibile con la programmazione sovraordinata".

Il piano provinciale individuava altrove il sito per l'impianto

Il piano d'area approvato dalla Provincia della Spezia nel 2018 individuava infatti la zona di Boscalino come sede di un impianto per il trattamento dei rifiuti organici. Il nuovo biodigestore dovrebbe servire, oltre che la provincia della Spezia, anche il Tigullio. "Mi sembra che la Regione e la Provincia, come organi sia tecnici che politici, avrebbero dovuto ascoltare i territori per tempo. In questa partita ci siamo sentiti soli", il commento di Massimo Bertoni, sindaco di Vezzano Ligure, nel cui territorio comunale ricade l'area di Saliceti.

Regione Liguria farà appello

Regione Liguria proporrà appello al Consiglio di Stato per chiedere l'annullamento della sentenza del Tar che si è pronunciato a favore del ricorso del Comune di Santo Stefano Magra contro la realizzazione dell'impianto di digestione rifiuti in località Saliceti nel Comune di Vezzano Ligure. "Regione ritiene - si legge in una nota - che il percorso seguito per il rilascio dell'autorizzazione alla realizzazione dell'impianto, che si ritiene rappresenti una risorsa strategica e determinante per assicurare una gestione dei rifiuti in linea con le direttive comunitarie e nazionali, sia stato assolutamente coerente con la normativa e con gli strumenti di pianificazione in materia di rifiuti". "Il biodigestore risulta - conclude - uno degli impianti indispensabili per conseguire l'autosufficienza regionale nella gestione dei rifiuti: un obiettivo strategico per cui è stato messo in campo un impegno considerevole che si ritiene opportuno salvaguardare".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter