Attualità
la trasmissione su RAI 2

Al via il reality Il Collegio, partecipa anche una chiavarese

Sofia Brixel parteciperà al viaggio nel 1958

Al via il reality Il Collegio, partecipa anche una chiavarese
Attualità Chiavari - Lavagna, 17 Ottobre 2022 ore 12:40

Al via la settima edizione del “Il Collegio” che, eccezionalmente per la settimana del debutto, raddoppia con due puntate rispettivamente martedì 18 e mercoledì 19 ottobre su Rai2, alle ore 21,20, in prima sera. A seguire, l’appuntamento sarà ogni martedì per otto serate complessive.

A partecipare alla trasmissione ci sarà anche una chiavarese, Sofia Brixel.

Il programma e le novità

Il programma, realizzato in collaborazione con Banijay Italia quest'anno porta i protagonisti e gli spettatori negli anni ’50. I giovani protagonisti, infatti, lasceranno le proprie famiglie, i social network e l’inseparabile telefono per vivere nel 1958.

La prima novità di questa edizione è la voce narrante di Nino Frassica, che accompagnerà il racconto delle avventure dei 20 protagonisti: gli scontri con il Preside e il corpo docenti, le simpatie e le antipatie verso gli altri collegiali e le gite fuori dal convitto.

Altra grande novità di questa stagione è la presenza di due sezioni, per la prima volta i collegiali saranno divisi in due classi separate proprio come succedeva all’epoca: la scuola media con il latino e la scuola di avviamento professionale. Nel 1958, infatti, la scuola media era ancora divisa in due percorsi fra chi avrebbe continuato gli studi umanistici e chi si sarebbe invece indirizzato subito al lavoro con l’“avviamento professionale”.

Rispetto ai docenti, accanto alle conferme si registrano delle new entry, come sempre poi non mancheranno le sorprese a scombussolare le giornate dei giovani studenti. La narrazione sarà caratterizzata dall’atmosfera tipica degli anni in cui l’Italia inizia ad assaggiare il “miracolo economico”, quando le industrie dell’automobile e degli elettrodomestici vivono una crescita senza precedenti: la Cinquecento, il frigorifero e la lavatrice sono gli emblemi del boom dei consumi. Il 1958 è un anno di grande ottimismo e spinta verso la crescita, ma è anche un momento di forti migrazioni interne, di svuotamento delle aree rurali e di espansione delle città: due «Italie» si ritrovano così faccia a faccia. Sono anni in cui in Italia cresce anche la domanda di scolarizzazione e il boom della produzione industriale richiede figure specializzate: avvocati, operai e ragionieri diventano richiestissimi. Non a caso, nel decennio 1948-1958 gli iscritti all’istruzione media raddoppiano e s’incrementa la scuola secondaria, specie quella tecnica e professionale. Al contempo però restano ancora alti i numeri dell’esclusione: nel 1958 il 65% dei ragazzi tra gli 11 e i 14 anni non frequenta alcuna scuola secondaria di 1° grado, mentre il 35% residuo è diviso tra scuola media col latino e l’avviamento professionale. Il Ministro della Pubblica Istruzione di questo periodo è Aldo Moro. Nel 1958 le infrastrutture cominciano a unire l’Italia: viene inaugurato il primo tratto di un’autostrada, l’A1 da Milano a Parma. La Comunità Economica Europea si riunisce per la sua prima seduta; a Sanremo trionfa Modugno con «Il blu dipinto di blu»; Paul Anka e i Platters sono in alto nelle hit parade, mentre Elvis si arruola. Poi ancora in tv va forte «Canzonissima»; la Rai lancia il programma «Telescuola» per l’insegnamento tramite tv ai ragazzi che vivono in posti privi di scuola secondaria; viene pubblicato «Il Gattopardo» di Tomasi di Lampedusa; al cinema escono «Vertigo» di Hitchcock e «I soliti ignoti» di Monicelli, che fra i suoi interpreti consacra Marcello Mastroianni. Tra le delusioni di quell’anno c’è la Nazionale di calcio che non si qualifica ai Mondiali in Svezia, dove si afferma la stella di Pelè e il mondo scopre il Brasile, che vince il suo primo titolo.

In questo contesto storico si svolgono – per otto puntate - le lezioni in vista dell’esame di terza media del 1958. Ad ospitare i giovani studenti è, per il terzo anno consecutivo, il Collegio Regina Margherita di Anagni, dove vigeranno le regole di sempre: preside, professori e sorveglianti rappresentano l’autorità. Vanno dunque ascoltati e rispettati. Massima è, infatti, la severità per il rispetto delle norme, con giornate scandite da studio e attività ricreative.

La gioia di Sofia

Un traguardo tanto desiderato, quello della 16enne Sofia Brixel che partecipa alla trasmissione.

«A volte i sogni con la “S” maiuscola si avverano - ha commenta Sofia nei giorni scorsi a Il Nuovo Levante -. Il mio sogno è iniziato quando avevo 11 anni e con Giorgia ho guardato la prima edizione del “Collegio”, l’anno successivo mi sono ritrovata a guardarlo da sola perché lei non c’era più e in cuor mio le ho promesso che io ci sarei andata e che lei sarebbe venuta con me. Non posso descrivere l’emozione che ho provato quando il 4 maggio mi hanno contattato dalla redazione per fissare il primo casting , poi l’attesa per sapere se ce ne sarebbe stato un altro, la telefonata il 26 maggio per fissare il casting a Milano e poi finalmente la telefonata del 21 giugno in cui mi confermavano che facevo parte del cast ufficiale, indimenticabili emozioni che porterò nel mio cuore per sempre…ed era solo l’inizio.

“Il Collegio” è stata un’esperienza pazzesca, che va molto aldilà di quello che si percepisce attraverso lo schermo. Ho amato ogni momento vissuto là dentro e ho scoperto quanto sono importanti tutte le persone che non si vedono sullo schermo, la redazione e gli autori, siete nel mio cuore e ci rimarrete per sempre. Ho conosciuto ragazzi e ragazze profondamente diverse da me ma tutti straordinari e unici, ognuno di voi mi ha lasciato qualcosa che conserverò per sempre».

E continua: «Studia scienze umane ma sogna un futuro da modella Sofia, influencer, 16 anni di Chiavari. “Spero di realizzare questa cosa, però comunque ho un piano b, - racconta - quello di diventare psicologa”. Seguitissima online, la ragazza ammette “sui social è bello ballare, ma ogni tanto bisogna fermarsi e pensare”. Per questo, oltre a parlare di sé, la giovane ha scelto attraverso i suoi profili web di ricordare la sorella, scomparsa a soli 18 anni. Proprio con lei, infatti, Sofia aveva visto la prima edizione de "Il Collegio" e, insieme coltivavano il proposito di riuscire un giorno a prendere parte al programma».

Le puntate

LA PRIMA PUNTATA

L’arrivo al Collegio segna il passaggio repentino dal 2022 al 1958. Gli studenti prima di varcare la soglia del cancello salutano i propri genitori. Per affrontare la loro nuova vita devono sottoporsi alla visita medica e all’immancabile - e al tempo stesso temutissimo - taglio di capelli.

In questa prima puntata nella sala ricreativa i Collegiali guardano una puntata di ‘Lascia o Raddoppia’, il quiz più famoso di sempre condotto da Mike Bongiorno.

LA SECONDA PUNTATA

Si entra nel vivo dello studio, tra le nuove materie la stenografia che entra a far parte delle esercitazioni pratiche dedicate agli studenti. Alla sera il Professor Maggi tiene una lezione per tutti i collegiali, sul celebre romanzo di Ernest Hemingway ‘Il vecchio e il mare’, di cui nel 1958 esce il film. Al via anche la competizione sportiva tra le classi per rivivere, attraverso le immagini dell’epoca, le emozioni che la rivalità tra i due campioni Coppi e Bartali ha regalato al ciclismo italiano tra gli anni Quaranta e Cinquanta.

Gli studenti

ALESSANDRO BOSATELLI 14, Brembate (BG); DAVIDE CAGNES 17, Montebelluna (TV); MATTIA CAMORANI 5, Faenza (RA); DAVIDE DI FRANCO 16, Bisceglie (BA); APOLLINAIRE MANFREDI 14, Palagiano (TA); TOMMASO MIGLIETTA 14, Lizzanello (LE); ALESSANDRO ORLANDO 17, Torre Annunziata (NA); MATTIA PATANÈ 16, Riposto (CT); GABRIEL RENNIS 16 Roma; SAMUEL ROSICA 14, Bitonto (BA); DAMIANO SEVERONI 16, Tivoli (ROMA).

ALESSIA ABRUSCIA 14, Crosia (CS); ELISA ANGIUS 15, Cagliari; SOFIA BRIXEL 16, Chiavari (GE); MARTA MARIA ERRIQUEZ 16, Venaria R. (TO); ZELDA NOBILI 15, Trieste; PRISCILLA SAVOLDELLI 15, Gandino (BG); GIADA SCOGNAMILLO 17, Genova; LUNA TOTA, 15 Roma; GIULIA WNEKOWICZ 14, Figline Valdarno (FI).

Il format

Il Collegio, realizzato in collaborazione con Banijay Italia, è basato sul format internazionale “Le Pensionnat – That’ll teach’em” di cui la Rai ha acquisito i diritti.

Ogni anno sono migliaia le domande di aspiranti studenti con il sogno di far parte della classe più famosa della TV. Per la realizzazione del programma hanno lavorato 110 persone. Sono state utilizzate 14 telecamere con operatore, 32 microfoni a collarino e un drone per le riprese in aeree.

È un programma scritto da Luca Busso con Marco Cappellini, Laura Mariani, Marco Migliore, Emanuele Morelli, Marina Pagliari, Veronica Pennacchio e Alessandro Tassone. La regia è di Fabrizio Deplano.

Seguici sui nostri canali