Attualità
La polemica

Barriere fonoassorbenti a Chiavari, il Pd: “Il Comune sapeva da luglio”

Ghio e Garibaldi sollecitano la presentazione di un progetto alternativo

Barriere fonoassorbenti a Chiavari, il Pd: “Il Comune sapeva da luglio”
Attualità Chiavari - Lavagna, 18 Gennaio 2023 ore 14:10

“L’annunciata sospensione temporanea del progetto di installazione delle barriere fonoassorbenti nel tratto ferroviario di Chiavari da parte di Rfi, è una buona notizia, ci auguriamo però che non sia solo un annuncio, visto che ancora non conosciamo con chiarezza tempi e modalità di svolgimento. Soprattutto è necessario capire se e come si sta lavorando a delle alternative per attuare il Piano di risanamento acustico previsto dalla legge e nello stesso tempo ridurre al minimo i disagi per i cittadini e l’impatto ambientale. Ad oggi il progetto è sviluppato in maniera del tutto avulsa dal contesto paesaggistico, sociale ed economico del territorio. Istituzioni, cittadini e associazioni hanno fatto notare chiaramente i rischi e le ricadute di questo muro, in alcuni tratti alto fino a 4 metri, che dividerebbe la città dal mare. Una situazione inaccettabile”, così la deputata ligure e componente della commissione trasporti alla Camera Valentina Ghio, che ha presentato una nuova interrogazione in cui chiede come si stia procedendo in merito alla sospensione temporanea del progetto, annunciata da Rfi sulla stampa, e i possibili piani alternativi.

“L’opera, che serve a rimediare a un disagio, così come pensata finora rischia di cancellare il panorama e creare un disagio ancora più grande – aggiunge il capogruppo del Partito Democratico Luca Garibaldi, che si è occupato della questione in consiglio regionale presentando un’interrogazione – E’ indispensabile trovare una soluzione meno impattante per Chiavari, ma che valga anche per tutti gli altri comuni liguri che saranno coinvolti nei lavori, per evitare che si ripetano situazioni analoghe. Di questo deve farsi carico anche la Giunta Regionale, che già da luglio era a conoscenza del problema, ma non ha fatto nulla per bloccare l'opera: anzi, gli uffici avevano cominciato a produrre i pareri tecnici, inviati peraltro anche al Comune di Chiavari, ben prima della pubblicazione degli atti di vincolo all'esproprio. Come Chiavari, tanti altri comuni della Liguria saranno interessati a questa procedura: per questo chiediamo la costituzione di un tavolo regionale permanente sugli interventi di RFI per il risanamento acustico per costruire un percorso, insieme alle istituzioni locali, che studi e valuti gli impatti e trovi soluzioni alternative”.

Seguici sui nostri canali