Attualità
L'intervento

Censimento arboreo a Camogli

In questi e nei prossimi giorni vi capiterà di vedere dei cartellini bianchi con un codice alfa numerico (es. A030) sui tronchi: ecco di cosa si tratta

Censimento arboreo a Camogli
Attualità Golfo Paradiso, 31 Luglio 2022 ore 15:06

In questi e nei prossimi giorni vi capiterà di vedere dei cartellini bianchi con un codice alfa numerico (es. A030) sui tronchi degli alberi di Camogli.

Il censimento

Si tratta del “censimento arboreo” che l’Amministrazione sta realizzando con il prezioso aiuto del Dott. For. Carlo Vinciguerra di Genova, con il supporto dell’Ufficio Ambiente e dei giardinieri comunali, nell’ottica di porre in essere azioni indispensabili alla tutela e alla cura del “patrimonio verde” cittadino.

Il censimento arboreo è l’elenco e la catalogazione di tutti gli alberi di proprietà e gestione comunale presenti sul territorio della città di Camogli.

Di ogni pianta vengono rilevati i dati principali: ubicazione, specie, altezza, diametro del fusto, diametro della chioma, altezza di inserzione della chioma, contesto (pianta isolata, in filare, in gruppo) “posizione sociale” (per esempio pianta dominante, pianta dominata).
Si tratta del primo passo verso la gestione del patrimonio arboreo di Camogli per l’organizzazione, la programmazione e la gestione razionale degli alberi cittadini, nella prospettiva di preservarli al meglio e di gestire il rischio arboreo. Nel contesto urbano, infatti, l’albero è prima di tutto un elemento infrastrutturale indispensabile, perché fra le sue tante proprietà e qualità, contribuisce alla produzione di ossigeno, elimina considerevoli quantitativi di anidride carbonica, cattura le poveri sottili, aiuta a mitigare il calore e a regimentare le acque.

Il programma del censimento prevede:
• Ricognizione speditiva per individuare le criticità più urgenti;
• Analisi approfondita delle piante con criticità più rilevanti;
• Analisi programmata delle piante con criticità meno urgenti;
• Individuazione degli interventi colturali urgenti;
• Programmazione degli interventi ordinari, colturali e di controllo, per migliorare la qualità delle piante e controllarne la potenziale pericolosità per ridurre il rischio di danni a persone e cose.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter