Menu
Cerca
CORONAVIRUS

Da oggi al via la campagna "Adulto e vaccinato" per coinvolgere gli indecisi

La Liguria registra ancora numeri da zona bianca

Da oggi al via la campagna "Adulto e vaccinato" per coinvolgere gli indecisi
Attualità Chiavari - Lavagna, 02 Giugno 2021 ore 07:14

“Continua la discesa dell’incidenza del virus nella nostra Regione, che registra oggi (martedì 1 giugno, ndr) 23 casi su 100mila abitanti a settimana. La provincia con il dato più basso è quella di Imperia a quota 16, mentre quella di Savona, quella della Spezia e la Città Metropolitana di Genova sono tutte a quota 21. Si tratta di una ulteriore conferma di una Liguria con numeri da zona bianca. Scende anche il numero delle persone ricoverate in ospedale: sono 144, 15 in meno di ieri, e in totale sono 114 quelle ricoverate in media intensità. Erano 459 un mese fa”. Così il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti ieri sera ha fatto il consueto punto sulla situazione Coronavirus in Liguria.

"I vaccini sono sicuri e restano la strada maestra per uscire dalla pandemia e tornare alla normalità"

“Scende anche il numero delle persone in isolamento domiciliare e soprattutto il numero totale delle persone positive, ben 457 in meno rispetto a ieri – aggiunge Toti – Sul fronte vaccini, oggi nella nostra regione ne sono stati somministrati più di 14mila, e siamo al 97% del somministrato sul consegnato. Grande successo anche per il secondo open day dedicato ai vaccini Johnson&Johnson e AstraZeneca, avviato ieri sera alle 23 per tutti gli over 18: anche in questo caso, come per il primo open day, le dosi disponibili sono rapidamente in via di esaurimento”.

“I giovani – prosegue Toti – stanno dando l’esempio e dimostrando un grande senso civico in questo momento decisivo per la ripartenza del Paese. Il mio appello va ancora una volta agli indecisi: i vaccini sono sicuri e restano la strada maestra per uscire dalla pandemia e tornare alla normalità. Proprio per questo domani lanceremo la campagna ‘Adulto e vaccinato’ proprio per sensibilizzare chi è ancora indeciso e allargare ancora la platea: in ogni caso – conclude Toti – arriveremo a 100 mila dosi a settimana nella seconda metà di giugno, sperando che le consegne dei vaccini non subiscano ritardi”.