Attualità
gaslini

Gaslini: assegnati 5 milioni di euro all'Istituto scientifico pediatrico genovese

L'approvazione dell'emendamento al decreto Sostegni Bis

Gaslini: assegnati 5 milioni di euro all'Istituto scientifico pediatrico genovese
Attualità Chiavari - Lavagna, 08 Luglio 2021 ore 15:10

Le parole del presidente dell'Istituto Giannina Gaslini

“Siamo felici e orgogliosi di ricevere questi fondi, che sapremo investire per rendere ancora più sicuro e all’avanguardia l’ospedale, a servizio di tutti i piccoli che ne avranno bisogno. Ringraziamo l'on. Luca Pastorino, deputato ligure di Leu e segretario di presidenza alla Camera, che ha proposto l’emendamento, tutti i firmatari parlamentari liguri e i capigruppo in Commissione Bilancio e tutti coloro che hanno reso possibile l'approvazione di questo importante contributo a favore dell’ospedale pediatrico Giannina Gaslini, per il ristoro dei costi conseguenti all’emergenza da Covid-19" ha dichiarato Edoardo Garrone, presidente dell'Istituto Giannina Gaslini, in merito all'approvazione dell'emendamento contenuto nei riformulati al decreto Sostegni bis, che assegna 5 milioni di euro all'ospedale pediatrico genovese, di ristoro per i maggiori costi sostenuti per l'emergenza Covid-19 e per l’incremento delle prestazioni di alta complessità in conseguenza della stessa.

Un riconoscimento al grande lavoro svolto dall'Istituto Gaslini

"L’approvazione di questo emendamento rappresenta il riconoscimento del grande lavoro di squadra che ha visto l’Istituto scientifico pediatrico Giannina Gaslini fronteggiare l’emergenza pandemica, riuscendo ad accogliere tutti i bambini che hanno necessitato di cure e le future mamme che hanno dato alla luce i loro bambini in sicurezza, garantendo la contestuale tutela lavorativa dei propri operatori e collaboratori. Un risultato ottenuto attraverso un capillare lavoro organizzativo, che è riuscito ad adattare tutta la struttura sia fisicamente sia funzionalmente, per offrire percorsi liberi dall'infezione, e parallelamente percorsi dedicati e distinti in grado di continuare a prendere in cura e curare pazienti sospetti e/o positivi al virus. Sono state inoltre implementate le "attività a distanza" in tutti i settori (telemedicina e teleconsulto, attività formative e didattiche da remoto e in FAD, ricerca e attività amministrativa in lavoro agile, attività di sostegno e volontariato). Parallelamente è cresciuta l’attività di alta complessità, che grazie ai fondi assegnati potremo ulteriormente sviluppare” ha commentato Renato Botti, direttore generale dell’Istituto Giannina Gaslini.