Attualità
SuperEroe in corsia

Il nostro Spiderman dei reparti pediatrici a Tu si Que Vales

Mattia Villardita: “Non sono venuto qui per esibirmi, ma per ricordarvi due cose. La prima è di non arrendervi mai, la seconda è mai dimenticarsi di essere umano e di aiutare il prossimo"

Il nostro Spiderman dei reparti pediatrici a Tu si Que Vales
Attualità Chiavari - Lavagna, 11 Ottobre 2021 ore 07:38

Dalla Liguria a Tú Sí Que Vales per portare un grande messaggio di solidarietà: Mattia Villardita, lo Spiderman savonese che da anni regala un sorriso ai bambini malati in ospedale, ha emozionato pubblico e giudici del talent show con le sue parole:

“Non sono venuto qui per esibirmi, ma per ricordarvi due cose. La prima è di non arrendervi mai, prima o poi le cose migliorano e non c’è nulla di piú bello che rialzarsi dopo essere caduti. La seconda è che nessuno di noi deve mai dimenticarsi di essere umano e di aiutare il prossimo: basta un piccolo gesto di gentilezza per cambiare la vita di una persona”.

Nominato Cavaliere della Repubblica nel 2020 e ricevuto da Papa Francesco

Mattia Villardita, nominato Cavaliere della Repubblica nel 2020 e ricevuto dal Papa lo scorso giugno, ha spiegato con un post la sua missione e ciò che ogni giorno lo motiva a portare un sorriso a chi lo ha perduto:

"Non dimentichiamoci di essere umani e di aiutare il prossimo",
È da qui che voglio partire.
La sofferenza mi ha portato a capire quanto un piccolo gesto come donare un sorriso o un attimo di meraviglia possa davvero cambiare l'ordine delle cose.
Non sono un supereroe, non sono un santo, sono solo un essere umano con il costume del suo personaggio dei fumetti preferito che dona il suo tempo libero a chi ha bisogno di tornare a sorridere e sperare che ancora qualcosa di bello là fuori esista.
Se oggi sono quello che sono è sopratutto grazie al supporto della mia famiglia e di tutte le persone che insieme a me hanno affrontato il mio percorso di vita cercando di alleggerirlo il più possibile.
Quella di ieri sera é stata una serata magica che porterò con me per sempre e sono felice di averla vissuta con le mie persone del cuore.
Un grazie a tutti i medici e al personale ospedaliero che si è preso cura di me in tutti questi anni e che mi ha dato la possibilità di ripartire.
Infine grazie a tutte le persone che stanno spendendo anche solo che un pensiero per me. Mi state inondando di messaggi pieni d'amore e piano piano risponderò a tutti.
Vi voglio un mondo di bene,
Il vostro amichevole Cav. Spiderman di quartiere".