Attualità
Lavagna

La Birra di Barassi nelle 100 Eccellenze italiane 2022 di Forbes Italia

La realtà del microbirrificio lavagnese è gestita da Giacomo Campodonico e da Sebastiano De Pilla, entrambi classe 1988

La Birra di Barassi  nelle 100 Eccellenze italiane 2022 di Forbes Italia
Attualità Chiavari - Lavagna, 18 Aprile 2022 ore 11:34

La Birra di Barassi nelle 100 Eccellenze italiane 2022 di Forbes Italia, il business magazine più famoso al mondo.

La realtà di Lavagna eccellenza del nostro territorio

La realtà del microbirrificio lavagnese è gestita da Giacomo Campodonico (nella foto, cuoco professionista con la passione per la produzione di birra già da ragazzo) e dal coetaneo Sebastiano De Pilla, grafico e collaboratore di Giacomo nella produzione sin dai tempi dell’apertura, diventato socio nel 2020 in occasione dell’ampliamento dell’impianto. Entrambi sono nati nel 1988.

"Campodonico nel 2018 ha trovato trova nel fondo di un forno dismesso il luogo perfetto per avviare il progetto", ricorda Forbes, che scrive:

"Oggi è uno dei microbirrifici più interessanti d’Italia e tutto nasce dalla passione di un giovane ligure.

Il nome Birra di Barassi si deve al paesino in cui vive Giacomo Campodonico, il fondatore che quando da ragazzo preparava la birra era solito apporre un’etichetta casalinga alle bottiglie con il nome del toponimo. E quando ha avviato l’attività, l’ha mantenuto.

'Sarebbe stato scontato scegliere nomi più di charme o pomposi – spiega – ma la nostra virtù è proprio l’umiltà e l’orgoglio di abitare in un paesino di 50 abitanti'. E così Birra di Barassi rimase. Ciò che rende speciale la produzione artigianale del birrificio non consiste nel quanto viene realizzato bensì nel come: un impianto a caduta da 4 ettolitri che sfrutta la gravità tra un passaggio e l’altro nel ciclo di produzione del mosto, l’uso del fuoco al posto delle resistenze elettriche per scaldare e bollire il mosto, l’assenza di automazione. E ancora: confezionate le bottiglie, la birra viene lasciata rifermentare e maturare un mese prima della vendita. Vengono inoltre usati spesso prodotti del territorio (corbezzoli, pesche, radici, miele e luppolo di propria coltivazione), nonché realizzate ricette personalizzate".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter