Attualità
In consiglio regionale

Parco Nazionale di Portofino: Garibaldi(Pd)e Candia (Lista Sana): opportunità per lavoro, turismo e rilancio dopo pandemia

"Chiediamo alla Regione uno studio completo sulle potenzialità di un parco nazionale, le ricadute sul territorio, in termini di lavoro e ricchezza, crescita e sostenibilità"

Parco Nazionale di Portofino: Garibaldi(Pd)e Candia (Lista Sana): opportunità per lavoro, turismo e rilancio dopo pandemia
Attualità Rapallo - Santa Margherita, 20 Maggio 2021 ore 16:35

Il capogruppo del Pd Luca Garibaldi, dopo l’audizione di amministratori e associazioni questa mattina in IV Commissione del Consiglio regionale si esprime sul futuro del Parco di Portofino.

"Dalla Regione uno studio completo sulle potenzialità di un parco nazionale, le ricadute sul territorio, in termini di lavoro e ricchezza, crescita e sostenibilità"

"Quello del Parco Nazionale di Portofino è un tema su cui serve un cambio di passo. Al di là delle prese di posizione politiche, bisogna riprendere una vera discussione. La Giunta smetta di frenare perché bisogna saper cogliere questa opportunità, che significa lavoro per i giovani, turismo, recupero del territorio e rilancio dopo la pandemia", afferma Garibaldi. “Serve un salto di qualità nella discussione – prosegue il capogruppo piddino -  la Regione deve produrre uno studio completo spiegando quali sarebbero le potenzialità di un parco nazionale, le ricadute sul territorio, in termini di lavoro e ricchezza, crescita e sostenibilità. Chiederemo alla Giunta di operare in questa direzione nel più breve tempo possibile”.

"È necessario uno studio che valuti in modo scientifico gli impatti economici sociali e ambientali del passaggio del parco di Portofino da regionale a nazionale – commenta anche la consigliera della Lista Sansa Selena Candia - solo così si può aprire un vero dibattito con il territorio, gli amministratori, le associazioni e i cittadini. Fino ad ora la discussione è rimasta sul piano politico, per questo servono strumenti d'analisi in grado di valutare cosa sia meglio per il futuro del parco".