Attualità
regione

Pesca: "Presentate le linee d'azione prioritarie per la ripartenza"

Si è parlato di caro gasolio, pesca al gambero rosso, al tonno e canoni demaniali

Pesca: "Presentate le linee d'azione prioritarie per la ripartenza"
Attualità Valli ed entroterra, 04 Aprile 2022 ore 15:01

Intesa rappresentativa delle varie associazioni di categoria per raggiungere politiche regionali condivise sui punti principali del comparto ittico: caro gasolio, pesca al gambero rosso, al tonno e canoni demaniali. Sono questi i principali argomenti trattati nel Tavolo Blu di lunedì 4 aprile, indetto dal vice presidente con delega alla Pesca Alessandro Piana insieme al deputato Lorenzo Viviani, ai rappresentanti di Legacoop Liguria, Confcooperative Liguria - Federcoopesca, Coldiretti Impresa Pesca Liguria e del Dipartimento Agricoltura, Turismo, Formazione e Lavoro di Regione Liguria.

“In merito al caro gasolio, continuerò i confronti col Ministero – spiega il vice presidente Piana – per avviare celermente le procedure di utilizzazione del Fondo per lo Sviluppo e il Sostegno delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura che, per il comparto ittico in Italia, stanzia 20 milioni di euro. Sulla pesca di profondità ai gamberi, oltre a sollecitare misure di aiuto a valere sul FEAMP, lavoreremo su una suddivisione delle quote equa sulla base delle zone geografiche autorizzate per consentire l’utilizzo dell’intera quota di riparto, anche nel caso in cui venisse raggiunto il numero massimo di giornate previste dall’attuale decreto ministeriale in vigore. Al contempo ci confronteremo sull’individuazione di criteri alternativi da proporre, con l’istituzione di un tavolo tecnico Ministero-Regioni-Associazioni di categoria. Di altrettanto rilievo l’impegno sulla proposta di riduzione dei canoni minimi demaniali e la richiesta di nuove misure sulle catture accidentali del tonno rosso. Per quest’ultimo punto si potrebbe procedere con l’adozione di finestre temporali o criteri alternativi che possano ripartire congruamente le catture accidentali in tutto l’arco tirreno-ligure, per evitare che i palangari si trovino, loro malgrado, a catturare accidentalmente un tonno e ad incappare in sanzioni, in caso di plafond esaurito. Come assessorato dobbiamo cercare di alleggerire il carico gravoso dei nostri imprenditori e snellire la burocrazia: sono asset imprescindibili per la ripartenza”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter