Attualità
Il caso

Pro Vita e Famiglia per il Tigullio: "L'aborto é un omicidio"

Domenica 26 giugno partita la campagna di affissioni in difesa della vita nascente avviatasi domenica 26 giugno a Rapallo, Santa Margherita Ligure e Zoagli

Pro Vita e Famiglia per il Tigullio: "L'aborto é un omicidio"
Attualità Rapallo - Santa Margherita, 27 Giugno 2022 ore 07:53

«L’aborto è un omicidio e la sua legalizzazione traumatizza. No, non sono parole nostre, ma di Pier Paolo Pasolini, del quale quest’anno è il centenario dalla nascita e che affidò questo suo pensiero alle pagine del Corriere della
Sera nel 1975», così Gianrenato De Gaetani, referente territoriale di Pro Vita & Famiglia per il Tigullio, nel presentare la campagna di affissioni in difesa della vita nascente avviatasi domenica 26 giugno a Rapallo, Santa Margherita Ligure e Zoagli e che sta interessando le principali città italiane dopo essere partita da Roma.

Il manifesto:

«Tutelare la Vita - prosegue De Gaetani - significa garantire ogni altro diritto umano, perché se manca il diritto alla Vita, il primo e più fondamentale, mancano di conseguenza tutti gli altri. Vogliamo quindi, con questa campagna,
risvegliare le coscienze sul dramma dell’aborto: è la legalizzazione di un omicidio, che distrugge una vita umana e traumatizza anche le donne, sia dal punto di vista fisico che psicologico, perché sono lasciate sole con la bugia che abortire sia l’unica soluzione possibile quando arriva una gravidanza difficile o indesiderata. Chissà se ora la sinistra e le femministe censureranno anche Pasolini e il suo pensiero intellettualmente onesto e disinteressato in favore della Vita e dei nascituri, così come hanno fatto in passato in tutta Italia con le campagne in difesa del diritto alla Vita rimosse, strappate, vandalizzate o addirittura censurate in modo illegittimo dalle amministrazioni».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter