Attualità
candidatura Tigullio

Tigullio come capitale della cultura: in arrivo ulteriori consensi

Riferiscono Alessio Chiappe Segretario PD Tigullio e Marcello Massucco Resp. Economia PD Tigullio

Tigullio come capitale della cultura: in arrivo ulteriori consensi
Attualità Valli ed entroterra, 08 Agosto 2021 ore 14:47

Nei giorni scorsi il progetto di candidatura del Tigullio a capitale italiana della cultura lanciato dalla sindaca di Sestri Levante Valentina Ghio ha trovato ulteriori consensi: dalle Associazioni delle categorie commerciali alle imprese del territorio, da Regione Liguria fino ai Comuni del Tigullio occidentale, che con Rapallo e Santa Margherita Ligure hanno deciso di aderire al percorso proposto.

Un progetto di rilancio

Il Partito Democratico del Tigullio saluta con favore questa rinnovata unità territoriale, che consentirà di avviare un progetto di rilancio complessivo del nostro comprensorio. In poco più di un mese si è costituito un tavolo di lavoro che era auspicato da anni e che rappresenta un'opportunità concreta e di prospettiva per un territorio ricco di cultura, storia e bellezze, che può crescere solo lavorando insieme.

L’immediato affidamento da parte del Comune di Sestri Levante dell’incarico di redazione del dossier ad una società con progettisti di importanza internazionale, che hanno realizzato eventi come Milano Expo 2015 e Dubai 2020, rappresenta un ulteriore segnale della concretezza e della bontà del percorso intrapreso.

Considerato l’orizzonte di medio periodo del progetto che traguarda il 2024, e la possibilità di inserire nelle azioni di candidatura anche interventi strutturali di rigenerazione urbana, culturale ed ambientale, auspichiamo che l’adesione di Regione Liguria prospettata dall’Assessore Cavo si traduca anche nella concreta messa a disposizione di risorse economiche da reperire attraverso l’imminente programmazione dei POR 2021/2027. Al di là della vittoria o meno del bando MiC, la progettazione in itinere può essere comunque “messa a terra” nei prossimi anni attraverso un’oculata programmazione regionale.