Attualità
Il riconoscimento

Tra i talenti di Genova premiato anche il sommelier de La Brinca Matteo Circella

Premiate a Tursi le giovani eccellenze che si sono distinte nel 2022 in diversi settori, dallo sport, alle arti fino alla cucina

Tra i talenti di Genova premiato anche il sommelier de La Brinca Matteo Circella
Attualità Valli ed entroterra, 07 Dicembre 2022 ore 07:13

"Talenti di Genova", tra i premiati anche il  sommelier Matteo Circella de La Brinca di Ne (Val Graveglia).

Talenti di Genova

Le giovani eccellenze di Genova scoperte in questo 2022 sono state premiate nel pomeriggio di martedì 6 dicembre  con una cerimonia nel Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi, durante la quarta edizione di "Talenti di Genova", iniziativa nata nel 2019, per dare un riconoscimento speciale ai cittadini che si sono distinti nel corso dell’anno e che hanno dimostrato capacità eccezionali in particolari settori.

"C’è chi ha scritto un romanzo collettivo; chi ha dimostrato doti eccelse nella boxe, nel nuoto e nel salvamento e chi nella disciplina taekwondo; chi si è cimentato nella robotica; chi ha gareggiato nella Coppa del mondo di sci; chi è stato tra i migliori allievi della Scuola di Recitazione del Teatro Nazionale di Genova e chi ha lavorato come soprano con direttori d’orchestra internazionali; chi fa il pesto più buono del mondo; chi è considerato uno dei migliori giovani sommelier e chi si trova già in semifinale a Sanremo giovani", ricorda il Comune di Genova.

Hanno partecipato alla consegna dei riconoscimenti il sindaco di Genova Marco Bucci e Manuela Arata, Advisor del sindaco per l'Innovazione e la Tecnologia.

«Dare visibilità a nuovi talenti in modo che possano essere di ispirazione per tutti i giovani: questo è l’obiettivo di un’iniziativa che nasce per scovare storie di persone che hanno fatto la differenza anche facendo tesoro delle esperienze vissute all’estero per poi tornare nella nostra città- ha dichiarato il sindaco Marco Bucci- Sono tutti ragazzi e ragazzi, uomini e donne legati per nascita o adozione alla nostra città, che si sono distinti per competenze e capacità, portando alta la bandiera genovese nel mondo. Complimenti a tutti a loro».

Dopo i ringraziamenti di rito, al Comitato (composto da Vincenzo Spera, Anna Maria Roncoroni, Anna Orlando, Cristiano Palozzi, Sara Di Paolo, Paolo Noli e Carla Magnan), e al prezioso lavoro di Francesca Gilardi, sono stati presentati i talenti genovesi del 2022.

Jack Savoretti Ambasciatore di Genova nel mondo

Tanti talenti, più una sorpresa: Jack Savoretti, cantautore inglese con radici genovesi, attualmente impegnato in concerti che stanno toccando tutta Europa, a due anni dal successo di “Singing to strangers” finito al primo posto nella classifica UK, è stato nominato dal sindaco “Ambasciatore di Genova nel Mondo”, grazie alla sua musica, e al suo successo, frutto di grande passione, lavoro e costanza.

È stata Manuela Arata ad aprire la quarta edizione di “Talenti di Genova” facendo salire sul palco proprio Jack Savoretti che, dopo aver ricevuto il titolo di Ambasciatore ha lasciato palazzo Tursi per esibirsi in uno spettacolo, nato per il pubblico genovese, al teatro Carlo Felice:

«Sono orgogliosa che alla cerimonia di quest'anno abbia partecipato Jack Savoretti, nominato dal sindaco “Ambasciatore di Genova nel Mondo”- dichiara Manuela Arata- Un talento che ce l'ha fatta ed è un esempio per tanti giovani; Jack ha registrato lo scorso anno un bellissimo video dedicato a GenovaJeans, musicato insieme a Ludovico d'Erasmo e spero che rimanga sempre testimonial di questo progetto che vuole rafforzare il ruolo di Genova e dell'Italia nell'innovazione del capo più diffuso al mondo che alla nostra città deve il suo nome».

Ecco i talenti di Genova

E tra i premiati, c'è appunto il levantino Matteo Circella da La Brinca di Ne. 32 anni, sommelier, è stato riconosciuto come un vero talento nel comunicare il piacere del bere il buon vino, premiato dalla Guida Michelin come “Miglior Sommelier d'Italia”.

Gli altri:

Yohan Jesus Acosta, classe 2001, è un grande talento della Rossetto Boxe di Arenzano: atleta di origine dominicana, ma genovese d'adozione, ha vinto l'oro nel campionato Elite Boxe Under 22, pesi mediomassimi 86 kg, regalando il primo successo alla Liguria in questa categoria. Già medaglia di bronzo ai campionati Italiani Youth nel 2018, quest'anno ha vinto il Round Robin, evento tra le migliori promesse italiane, e si è guadagnato la maglia azzurra.

Ludovica Malfettani, in rappresentanza dei 70 studenti delle classi 2°C, 3°B e 4°C del Liceo Classico e Linguistico Colombo, vincitori dell’Hackaton Nazionale, promosso dall’Associazione Internazionale “DiCultHer”, con il loro primo “romanzo collettivo” dal titolo “Il Doppio Binario”, premiato anche al Salone del Libro di Torino 2021 e pubblicato sulla Rivista “Culture Digitali”.

Nicolò di Tullio, 28 anni, campione d'Europa nel 2012, 2014, 2015, 2017 nelle gare oceaniche del salvamento agonistico, e campione di Coppa del Mondo nel 2022. Tre anni fa ha presentato al Comune di Genova il progetto “Genova Ocean Agorà”, selezionato vincitore dalla giuria degli stakeholder del concorso Blue Hackathon indetto dal Blue District.

Elia Besio, Federico Poggi e Matteo Lenzi, tre ragazzi che a soli 9 anni sono stati capaci di lanciarsi in un'esperienza difficile e complessa, dimostrando doti di resilienza e costanza nell'ambito della robotica e dell'elettronica, raggiungendo la finale mondiale del “World Robot Olympiad” che si è tenuta a Dortmund in Germania.

Matteo Franzoso, sciatore delle Fiamme Gialle, sempre tra i primi posti in diverse gare di Coppa Europa GS, e due volte in Coppa del Mondo, uno dei più promettenti atleti del panorama internazionale, che potrebbe diventare parte della squadra azzurra.

Camilla Pizzorno, 22 anni, ha stregato i palati più fini con la preparazione di un pesto che le è valso il titolo di campionessa del mondo nel “Campionato Mondiale di Pesto Genovese al Mortaio”, a cui ha partecipato come la più giovane concorrente.

Anna Fossaceca, 14 anni, atleta della Lanterna Genova del maestro Fabrizio Terrile, è il talento emergente della disciplina taekwondo. Ha conquistato un doppio oro ai campionati italiani cadetti, di recente ha vinto il Dutch Open e vanta altri titoli internazionali. Si allena da quando aveva soli 5 anni, cintura nera di secondo Poom, si appresta a disputare gli Europei a fine mese con la maglia azzurra.

Rosamaria Bagnasco, classe 1991, è invece uno dei talenti del nuoto di questa stagione: terzo posto e medaglia di bronzo ai Campionati italiani Fisdir di nuoto agonistico a Pesaro nei 200 metri farfalla, è uno dei simboli di questa fantastica annata dei ragazzi con disabilità intellettiva e sindrome di down che tanto hanno brillato in tutte le competizioni.

Alessio Zirulia, venticinquenne attore di teatro, formatosi alla Scuola di Recitazione del Teatro Nazionale di Genova, nella quale si è distinto tra i migliori allievi e prima ancora alla Scuola di recitazione per ragazzi “La quinta praticabile”, sempre a Genova, vincitore del Premio Hystrio alla Vocazione nel 2021 e, già nel 2017, a soli vent’anni, miglior attore non protagonista del “Festival teatrale di Borgio Verezzi”, per l’interpretazione del ruolo di Falaksher nello spettacolo “Vivo in una giungla, dormo sulle spine”.

Federico Olivieri, detto Olly, a 21 anni si è conquistato uno dei posti da semifinalista di Sanremo Giovani, che andrà in onda su Rai1 il prossimo 16 dicembre; realizza il sogno salire su un palco davanti al grande pubblico nel 2019, proprio nella sua amata Genova, durante il primo live all’Arena del Mare, dove tornerà anche nel 2022 per aprire il concerto di Blanco. Vanta anche numerose collaborazioni con vari artisti provenienti dal rap e pop, tra cui Arisa.

Barbara Bargnesi, soprano e pianista, figlia di musicisti genovesi, formatasi al Conservatorio Paganini di Genova: si è esibita al Teatro alla Scala, al Regio di Torino, al San Carlo di Napoli; ha debuttato all’estero al Festival di Salisburgo, all’Opéra National di Parigi, al Thomson Hall a Toronto, alla International House of Music a Mosca, al Royal Opera House di Muscat collaborando con direttori importanti tra i quali Gianandrea Noseda, Zubin Mehta, Riccardo Muti, Daniel Orene e registi quali Dario Fo, Robert Carsen ed Ettore Scola.

«Non c'è lockdown, guerra o crisi che tenga- dichiara ancora Manuela Arata- i talenti fortunatamente continuano a brillare nei campi in cui sono naturalmente dotati, ma che richiedono un impegno forte e costante. È così che li valutiamo nel Comitato per la Valorizzazione dei Talenti di Genova, tutto composto da volontari che si prestano per dare un incoraggiamento della città ai suoi figli migliori e che ringrazio per la loro preziosa collaborazione».

Tutti i premiati:

Seguici sui nostri canali