Rapallo, la fine del Premio Donna?

Banca Carige ha tagliato drasticamente i fondi messi a disposizione per l'evento.

Rapallo, la fine del Premio Donna?
Rapallo - Santa Margherita, 04 Aprile 2018 ore 12:14

Quest'anno il Premio Nazionale per la donna scrittrice Rapallo Carige rischia di arrivare al capolinea. Il consigliere Capurro chiede al sindaco di intervenire.

Premio Donna vicino allo stop definitivo

Banca Carige sembra non voler più finanziare il Premio, la cifra messa a disposizione quest'anno si è ridotta di molto rispetto agli anni precedenti. L'anno scorso Carige aveva messo a disposizione per l'evento circa 70mila euro, quest'anno la cifra sembra si sia abbassata ad appena 5mila euro. Le spese ricadrebbero dunque quasi tutte sulle spalle dell'amministrazione che ovviamente non riesce a sostenere dei costi così elevati da sola. Un altro elemento che sembra condannare l'evento alla sua fine è la presenza dei lavori sul lungomare. A luglio, mese in cui dovrebbe svolgersi l'evento, buona parte del lungomare sarà infatti ancora interessato dai lavori di messa in sicurezza.

«Leggo con tristezza e preoccupazione che dopo 33 anni di Premio Carige, forse ella sarà il sindaco che perderà l’edizione 34 per mancanza di soldi. Visto che ella è riuscito nel passato a perdere la finale di Miss Italia e ha quasi chiuso l’Accademia Culturale temo che Rapallo perderà l’ennesima manifestazione culturale-turistica - commenta Armando Ezio Capurro, consigliere comunale e Coordinatore di Noi con l’Italia Liguria in una lettera aperta rivolta al sindaco - Avendo avuto lo sblocco di più di 20 milioni di euro per investimenti in conto capitale, il comune di Rapallo avrebbe avuto la possibilità di non stanziare fondi in conto capitale per gli anni 2017 e 2018 destinando interamente le risorse alla parte corrente, tra cui la promozione turistica. La prego di farsi spiegare come si fa a fare urgentemente una variazione di bilancio, eventualmente usando parte dei soldi che deriveranno dall’imposta di soggiorno (forse non ricorda che è entrata in vigore il 1 aprile 2018)».