Accordo sulla movida a Santa Margherita

L'iniziativa, dal nome "W la movida" partirà a Pasqua. In campo Comune, Asl, associazioni del territorio e la discoteca sammargheritese contro gli sballi e gli eccessi del sabato sera

Accordo sulla movida a Santa Margherita
Rapallo - Santa Margherita, 23 Gennaio 2018 ore 08:26

Una rete comune tra istituzioni e Covo di Nord Est sulla movida, per prevenzione e controllo nelle scuole e sulle strade, che partirà a Pasqua.

Patto sulla movida "intelligente" il via a Pasqua

Una rete comune, per prevenire che il divertimento dei ragazzi non degeneri, evitando abusi d'alcool, atti vandalici, schiamazzi e incidenti stradali. Si chiama “W la moVIDA” ed è il progetto partito ieri, a Santa Margherita Ligure. L'iniziativa sarà concretamente operativa a inizio aprile, prima del periodo delle festività pasquali. Per l'amministrazione comunale sammargheritese, il progetto mira al divertimento sicuro.

Siglato il patto per la movida

Presenti, ieri pomeriggio presso il palazzo comunale, oltre al Comune guidato dal sindaco Paolo Donadoni, anche l’Asl4 Chiavarese, il Comando dei carabinieri, la Capitaneria di porto, l’Ascom, il Gruppo albergatori, i Balneari e la società che gestisce il Covo di Nord Est. Da circa due anni, il patron del Covo di Nord Est, Stefano Rosina sollecitava un incontro per stilare un accordo quadro sul tema divertimento/sicurezza dei ragazzi per fare rete a livello locale.

Movida, prevenzione e controllo

Dalla prossima riunione, prevista fra una decina di giorni, anche le scuole del territorio saranno coinvolte nel progetto. Per la prevenzione, saranno organizzati incontri informativi e di sensibilizzazione dei giovanissimi, all'interno e all'esterno del locale. Sulle strade, maggiori controlli in stazione e alle fermate dell'autobus per evitare che i ragazzi arrivino al locale già in condizioni critiche e/o con bottiglie di alcol a seguito.

Disponibile etilometro gratuito e il ritorno della navetta "Discobus"

In discoteca e nei locali della movida sarà possibile effettuare l’etilometro gratuito. Tra le altre introduzioni, nel progetto anche la possibilità di bere drink analcolici all'interno del locale.  Era già stato attivato in passato ma dovrebbe ritornare anche il “Discobus”; i ragazzi potranno andare e tornare dalla discoteca con la navetta, grazie alla collaborazione di Atp.