Al via il restyling della stazione ferroviaria

Interventi nell’area per oltre 6,5 milioni di euro

Al via il restyling della stazione ferroviaria
Chiavari - Lavagna, 24 Ottobre 2019 ore 16:58

 Abbattimento delle barriere architettoniche della stazione ferroviaria chiavarese, incontro tra il sindaco e Rete Ferroviaria Italiana.

I lavori

Al via un programma di interventi di natura strutturale e tecnologica per favorire la mobilità e la fruizione dei servizi da parte di utenti con disabilità o a ridotta mobilità all’interno della stazione. Hanno partecipato all’incontro il Sindaco Marco Di Capua, l’Assessore ai Lavori Pubblici, Massimiliano Bisso, e il Direttore Territoriale Produzione di Rete Ferroviaria Italiana, Daniele Mari. L’investimento, a carico di RFI, prevede interventi per 6,5 milioni di euro. Obiettivo ammodernare e abbattere le barriere architettoniche della stazione ferroviaria con la riqualificazione del sottopasso e l’installazione di tre ascensori, al fine di garantire la completa accessibilità ai marciapiedi anche alle persone con ridotta capacità motoria. Tali interventi saranno avviati appena saranno disponibili i finanziamenti necessari:

“Nel corso della riunione abbiamo palesato i disagi e le lamentele che riceviamo da cittadini e turisti, inerenti all’accessibilità dei binari, del sottopassaggio e all’assenza di ascensori – ha spiegato il primo cittadino chiavarese Marco Di Capua -. Abbiamo, inoltre, definito un primo intervento per migliorare la sicurezza e l’accessibilità dei viaggiatori favorendo l’interscambio tra la stazione e i mezzi di trasporto pubblico: la fermata dell’autobus posta a destra dell’uscita su piazza N.S. dell’Orto verrà arretrata di circa 4 metri, agevolando l’entrata con la creazione di una rampa d’ingresso. Ho manifestato la disponibilità del comune a cofinanziare gli interventi generali di ammodernamento, mettendo subito a disposizione 400 mila euro”.

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo: