Cronaca
recco

Apple Watch e Airpods a prezzi stracciati: erano contraffatti

Venduti da due giovani campani pregiudicati sul lungomare: avrebbero fruttato più di 6mila euro

Apple Watch e Airpods a prezzi stracciati: erano contraffatti
Cronaca Golfo Paradiso, 06 Maggio 2022 ore 20:44

I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Santa Margherita Ligure, nell’ambito di una rinnovata campagna di prevenzione e contrasto del fenomeno delle truffe e della contraffazione di marchi, hanno deferito 2 soggetti campani, pluripregiudicati, resisi responsabili di ricettazione e commercio di prodotti contraffatti.
I due giovani malviventi, l’uno di anni 34 e l’altro di anni 29, complici il sopraggiungere dell’estate e la conseguente ripresa del turismo, avevano preso di mira, già da alcuni giorni, il lungomare del comune di Recco, attirando, con allettanti offerte, gli ignari bagnanti, ai quali venivano proposti profumi griffati e dispositivi di alta tecnologia (smartphone, tablet, etc.) a prezzi estremamente competitivi.

Decine di profumi

I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile, insospettiti dalle animate contrattazioni e dal mercanteggiare insistente dei due soggetti, hanno quindi avviato un’attenta attività di osservazione che li ha condotti, dopo scrupolosi accertamenti, a individuare il veicolo utilizzato dai malfattori per le trasferte in riviera. Sottoposti a controllo, i due sono stati trovati in possesso di numerosi articoli, circa 50, tutti con marchi e segni alterati e contraffatti, tra i quali un cellulare "iphone 13 pro max", vari apple watch serie 7 ed airpods, e decine di profumi di grandi marche. La merce sequestrata, qualora venduta, avrebbe fruttato ai due malviventi ingenti ricavi, stimabili in circa 6.000 Euro.

Le indagini avviate dai Carabinieri di Santa Margherita Ligure hanno permesso di appurare il modus operandi della banda, particolarmente attenta ai minimi dettagli. Oltre alla confezione di buste contenitrici recanti il logo degli articoli contraffatti, perfettamente riprodotti, i due avevano replicato - sui dispositivi cellulari e sui laptop offerti ai turisti - il codice seriale di omologhi dispositivi originali, in modo da consentire all’incredulo acquirente anche una verifica on-line dell’autenticità del prodotto venduto.
Ulteriori accertamenti sono in corso per esaminare il contenuto delle confezioni di profumo, anche al fine di individuare l’eventuale presenza di sostanze irritanti, non clinicamente testate o comunque pericolose per la cute.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter