Cronaca
Camogli

Approvato il restauro del Castello Dragonara

Il simbolo di Camogli pronto a cambiare pelle

Approvato il restauro del Castello Dragonara
Cronaca Golfo Paradiso, 11 Marzo 2020 ore 12:40

Castel Dragone, approvato il restauro. Il progetto definitivo dei lavori riguarda il completo risanamento. Cambierà pelle il Castello della Dragonara, questo il suo nome, fortezza risalente alla prima metà del 1200, che sarà rimesso a nuovo, dopo il delicato restauro conservativo, già approvato dalla Soprintendenza e che comprende anche l’adeguamento degli impianti.

Restauro

L’intervento, proposto dall’assessore ai Lavori Pubblici Agostino, Tino Revello, è stato approvato dalla giunta. Il sindaco Francesco Olivari ha intenzione di iniziare già quest’anno, progetto inserito nelle opere pubbliche triennali e coordinato dal responsabile dell’Ufficio Tecnico Maurizio Canessa.

"Vogliamo cominciare già quest’anno – spiega il sindaco – l’antico castello ha bisogno di interventi urgenti di conservazione, perché attaccato dall’umidità e dal salino".

Il progetto è stato redatto dall'architetto camoglino Guido Risicato, iniziativa cominciata dalla mappatura degli elementi di degrado, per passare a quella degli interventi che lo potessero risolvere.

"Il restauro comincerà dal rifacimento delle terrazze principali – spiega Risicato - per impermeabilizzare e sostituire la pavimentazione, oltre a realizzare un nuovo sistema di regimazione corretta delle acque".

Si passerà poi all’interno dove sono presenti infiltrazioni. Le sale vengono risanate e, tolto l’intonaco, si lascia a vista l’antica muratura in pietra. Infine si passa alle rifiniture, a partire dal pavimento in legno, per passare al nuovo impianto elettrico, senza tralasciare l’impianto di riscaldamento, dotato anche di condizionatore.

"Si aggiungono nuovi serramenti stagni - chiude Risicato - e una porta a vetro che consenta davvero l’isolamento della fortificazione".

La novità all’esterno è la riduzione degli elementi illuminanti e l’inserimento di luci a Led, così da illuminare tutta la fortificazione in maniera scenografica. Una location tutta nuova:

"Dove magari poter anche organizzare matrimoni,– aggiunge l’assessore Revello –, oltre agli eventi tradizionali. Il castello sul mare, proprio davanti all’isola è in una posizione panoramica dalla bellezza indiscussa".

Il costo dell’opera, realizzata a lotti, è di circa 145mila euro.