Casarza Ligure

Apre a ottobre il polo sociosanitario

Sindaco Giovanni Stagnaro: "Saremo pronti per l’inizio della campagna di vaccinazione"

Apre a ottobre il polo sociosanitario
Sestri - Val Petronio, 01 Settembre 2020 ore 07:20

Due importanti cantieri in dirittura d’arrivo. Sarà inaugurato ai primi di ottobre il nuovo polo sociosanitario che sta sorgendo nella palazzina che ospitava la Guardia Forestale.

Casarza Ligure

“Saremo pronti per l’inizio della campagna di vaccinazione, cui quest’anno la Asl raccomanda in particolar modo di aderire – spiega il sindaco Giovanni Stagnaro – Al pian terreno, privo di barriere architettoniche, ci sarà non solo la reception, ma anche una sala strutturata come poliambulatorio. Qui si potranno effettuare visite e prelievi, e vi potranno operare sia medici specialisti in convenzione con Asl 4, che operatori di Avis per la raccolta del sangue”.

Ai piani superiori, i militi della locale Croce Verde troverranno spazio per dormire e rifocillarsi durante i turni notturni.

“Un ulteriore intervento riguarderà lo spazio esterno dell’edificio, che è vincolato dalla Soprintendenza in quanto un tempo ospitava le stalle di Villa Sottanis – prisegue il sindaco – . Mentre i pavimenti interni sono stati recuperati e conservati, la parte esterna verrà riqualificata”.

Presto disponibili anche i 15 posti auto realizzati nella zona sottostante la chiesa di N. S. della Speranza a Francolano.

“L’eliminazione di una piccola porzione di verde, grande circa 5 per 2.5 metri, si è resa necessaria per poter poter ricavare i parcheggi in quest’area, eliminandone una parte di quelli che si trovano in via Brigata Dall’Orco. Una strada a doppio senso di marcia, ma molto stretta proprio a causa dei mezzi parcheggiati – precisa Stagnaro – . Essa diventerà più sicura, dotata di un camminamento per chi la percorre a piedi, e con una cartellonistica che segnalerà opportunamente la presenza del doppio senso”.

Novità in arrivo anche sulle strade, sia centrali che periferiche. Via i dossi rallentatori: in parte saranno riposizionati, mentre altri saranno sostituiti da colonnine per il rilevamento della velocità.

“In base alle richieste della popolazione, abbiamo pensato di ricollocarli in alcune zone decentrate, e abbiamo chiesto ad Anas di poter collocare le colonnine sulla Sp 523”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità