Apre la caccia al cinghiale: è “emergenza” ungulati un po’ ovunque

28mila capi abbattibili, mentre si mobilitano anche Sestri Levante, la Val Petronio e la Val d'Aveto

Apre la caccia al cinghiale: è “emergenza” ungulati un po’ ovunque
16 Settembre 2017 ore 13:18

Regione Liguria: domenica 17 settembre apre la caccia al cinghiale. Assessore Mai: «Prelievo venatorio indispensabile per prevenire l’urbanizzazione dei cinghiali, ma le regioni hanno bisogno di strumenti normativi per fare fronte all’emergenza».

28mila capi abbattibili, ma servono revisioni normative

Domenica 17 settembre, nelle zone consentite, apre la caccia al cinghiale in Liguria. In base alle analisi effettuate dall’Università di Genova, è stato determinato in 28.838 capi il contingente massimo abbattibile, su scala regionale. A livello provinciale, suddivisi per ambiti territoriali e comprensori alpini, i contingenti sono: 5.220 a Imperia, 9.350 a Savona, 9.860 a Genova e 4.408 alla Spezia.

«Il prelievo venatorio – spiega l’assessore regionale alla Caccia Stefano Mai – è sicuramente un’azione importante per prevenire lo spostamento nelle aree urbane da parte degli ungulati. Stiamo studiando anche altre misure per stroncare questo pericoloso fenomeno, ad esempio attraverso il foraggiamento dissuasivo nelle aree extraurbane e, come nel caso del Comune di Genova, facendo una seria manutenzione alle recinzioni nelle zone di confine con le aree boschive». L’assessore Mai, inoltre, sottolinea: «È prioritario che il governo doti le Regioni di strumenti normativi idonei per affrontare un fenomeno che, come è emerso anche nella commissione politiche agricole di ieri, è un’emergenza nazionale. Come Regione Liguria – continua l’assessore Mai – siamo stati “apri pista” per una revisione normativa che vada incontro alle legittime istanze del mondo agricolo. Purtroppo è ancora disatteso, da parte del governo, l’ordine del giorno che abbiamo approvato in Conferenza Stato Regioni, e da noi fortemente voluto, sulla richiesta di modifica all’articolo 19 della legge 157/1992 sul controllo della fauna selvatica. Pertanto, continueremo a sollecitare, insieme ai colleghi delle altre Regioni, un intervento deciso, in tutte le sedi competenti, perché siano tutelate le nostre imprese agricole da questo che ormai è un fenomeno fuori controllo».

L’emergenza cinghiali coinvolge in pieno il Levante

Già pochi giorni fa del problema si è discusso in un summit a Sestri Levante sul problema ungulati nell’area della Val Petronio ed in generis nel Levante Ligure. Allo stesso modo, se non ancor più, sono coinvolti i comuni dell’alto entroterra: come a Rezzoaglio, dove una raccolta firme si è tradotta in un’ordinanza volta al contenimento del fenomeno.

(LEGGI QUI) le altre notizie de primaillevante.it

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo: