Asilo nido Mario Soracco, implementato il sistema di videosorveglianza e continua la prevenzione antisismica

Il Comune ha predisposto diversi interventi di messa in sicurezza dell’edificio

Asilo nido Mario Soracco, implementato il sistema di videosorveglianza e continua la prevenzione antisismica
Chiavari - Lavagna, 17 Settembre 2018 ore 15:01

E’ da poco terminata l’installazione di 5 telecamere di videosorveglianza poste all’esterno della struttura dell’asilo nido Mario Soracco di Chiavari. Nel rispetto delle norme vigenti in materia di privacy, sono state inserite all’interno del sistema di videosorveglianza cittadina, sotto il controllo del Comando di Polizia Locale di Chiavari.

Di Capua: “Quest’anno abbiamo deciso di investire in prevenzione nelle scuole del territorio, di ogni ordine e grado”

“La messa in sicurezza e il miglioramento antisismico di tutti gli edifici, soprattutto quelli scolastici presenti in città, sono priorità per la mia amministrazione - sottolinea il primo cittadino Di Capua –. Grazie ai 50mila euro stanziati in attività di prevenzione e controllo, si è potuto procedere con un censimento per la valutazione della vulnerabilità degli edifici scolastici e predisporre prove sismiche per determinare la resistenza di tutte le strutture comunali. Quest’anno abbiamo deciso di investire in prevenzione nelle scuole del territorio, di ogni ordine e grado.”

Interventi di messa in sicurezza dell'Asilo Nido Soracco

Continua il sindaco: “Grazie ai controlli eseguiti a tappeto sugli intonaci delle scuole comunali, siamo intervenuti in tutte le situazioni di pericolo, come i solai della Scuola della Torre, ma abbiamo riscontrato un problema presso l’Asilo Nido Mario Soracco, nonostante la struttura sia recente e appaia in buono stato.

Nello specifico, la situazione è da definirsi verde in tutti i locali, solo in un ambiente situato al primo piano abbiamo constatato criticità medie: infatti, le problematiche interessano solo l’intonaco e i laterizi, perciò sono stati predisposti diversi interventi di messa in sicurezza dell’edificio, che ad oggi risulta essere a norma nonostante i lavori in fase di completamento. Nessun disagio per i bambini, né per l’accesso al nido né per lo spazio adeguato al numero di accolti.”