Auto di lusso e bella vita con i soldi sottratti dalle “casse” dei suoi supermercati

Franco Caserta arrestato per bancarotta fraudolenta. Gestiva di fatto supermercati in Liguria, Piemonte e Lombardia

Auto di lusso e bella vita con i soldi sottratti dalle “casse” dei suoi supermercati
Chiavari - Lavagna, 17 Febbraio 2020 ore 19:57

Un imprenditore di origini calabresi e residenza ad Arona, Franco Caserta, titolare di fatto (secondo la Guardia di finanza) di numerosi supermercati a marchi diversi in Liguria, Piemonte e Lombardia, è stato arrestato con l’accusa di Bancarotta fraudolenta.

I contorni delle indagini: auto di lusso e regali con i soldi distratti

Franco Caserta, finito in carcere per bancarotta fraudolenta era amministratore di fatto di una società fallita operante nel settore della grande distribuzione organizzata. “La misura cautelare, notificata dalle Fiamme Gialle del 1° Nucleo Operativo Metropolitano di Milano – scrivono i colleghi del Giornale dei Navigli – giunge a conclusione di complesse indagini, coordinate dal Sostituto Procuratore della Repubblica della Procura di Milano Luigi Luzi, che hanno permesso di ricostruire come l’arrestato, insieme al figlio e all’amministratore di diritto, anche loro indagati, nel periodo immediatamente prima del fallimento, abbia tolto ingenti somme dalla società fallita, falsificando i libri e le scritture contabili per nasconderne le incongruenze.

Secondo la Finanza il fallimento ha lasciato 3 milioni di debiti

Nel dettaglio, sono stati ricostruiti i flussi di denaro, sottratti alla società e destinati all’acquisto di auto di lusso o girati ad altre imprese, riconducibili agli indagati e operanti nel medesimo settore commerciale, con diversi supermercati del Nord Italia, Liguria compresa. I finanzieri hanno appurato che le condotte illecite hanno causato il fallimento della società che ha accumulato debiti insoluti nei confronti dei fornitori e dello Stato pari a circa 3 milioni di euro.

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo: