Boitano: “Stangata acqua, tutelare i cittadini dalle richieste di Ireti”

Il consigliere regionalevuole vederci chiaro nel provvedimento che arriva a seguito della relazione riguardante le partite pregresse

Boitano: “Stangata acqua, tutelare i cittadini dalle richieste di Ireti”
Chiavari - Lavagna, 30 Aprile 2018 ore 10:46

“La stangata di 44 milioni di euro che Ireti (ex Iren) vuole imporre ai cittadini per colpe che non sono certo le loro è una scelta inaccettabile che rischia di penalizzare tutte le famiglie del capoluogo e della provincia di Genova”.

Boitano vuole fare luce sul provvedimento relativo alle partite pregresse

Il consigliere regionale Giovanni Boitano vuole vederci chiaro nel provvedimento che arriva a seguito della relazione riguardante le “partite pregresse” degli anni 2010/2011 e al riesame delle modalità di iscrizione a cespite di beni realizzati negli anni 2009/2011 riguardanti le tariffe dell’acqua.

“Un argomento decisamente tecnico che è stato oggetto di discussione tra Città Metropolitana di Genova – Ato e Ireti in qualità di soggetto gestore – prosegue Boitano – ma che finirà per incidere pesantemente su tutte le famiglie”.

La somma di 44 milioni di euro in un primo tempo avrebbe dovuto pesare sulle tasche dei cittadini in soluzione unica, ora sembra che sarà spalmata in quattro annualità, ma questo e solo un modo per addolcire la pillola non certo la soluzione del problema.

“Chiedo che il sindaco di Genova Marco Bucci in qualità di presidente della Città Metropolitana di Genova e il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti – conclude Boitano – intervengano per evitare che i cittadini siano tartassati”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità