Carasco, inaugurata la passerella pedonale

La passerella era danneggiata e inutilizzabile ormai da 5 anni. Madrina dell'inaugurazione la signora Lina, centenaria

Carasco, inaugurata la passerella pedonale
Valli ed entroterra, 21 Dicembre 2018 ore 10:41

Stamani Carasco si è vestita a festa. Si è infatti tenuto poco fa, alle 9.45, il tanto atteso taglio del nastro della nuova passerella ciclo pedonale di San Giuseppe. La struttura tornerà così a congiungere le frazioni di Rivarola e Graveglia. Madrina dell’inaugurazione la centenaria Lina Panesi, al fianco dell’assessore regionale Giacomo Giampedrone in rappresentanza delle autorità istituzionali della Regione. Con lui anche il consigliere regionale Giovanni Boitano.

«Un’opera importante attesa dalla popolazione che assicura a pedoni e ciclisti il transito sul fiume Entella in condizioni di sicurezza», ha dichiarato Boitano, «Struttura utile ai pedoni, ma soprattutto a quanti adoperano la pista ciclabile, in quanto assicura continuità tra la costa e, attraverso la Via dell’ardesia, l’alta Val Fontanabuona».

La nuova passerella è stata recentemente sottoposta al collaudo necessario per legge e le sue dimensioni la rendono un passaggio facilmente fruibile dalle persone a piedi a da quelle in bicicletta. In caso di necessità è anche possibile il transito di alcune tipologie di mezzi d’emergenza.

Larga 3 metri e mezzo, lunga 70 metri ha un peso che supera le 60 tonnellate. La struttura è costata 380mila euro, tra fondi della Regione e del Comune. Altri 70mila sono stati necessari per smontare e rimontare fuori alveo una delle pile del vecchio ponte, come da indicazioni della Soprintendenza, che ha anche imposto di mantenere l’altra. Inoltre sono state allestite apposite luci che la rendono facilmente agibile nelle ore più buie.

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo: