Catering per Mediaterraneo: «Ammessa società priva dei requisiti»

L'impresa non avrebbe già ottenuto tanti contratti nel settore quanti richiesti dal bando: la minoranza segnala il caso anche all'Autorità Anticorruzione

Catering per Mediaterraneo: «Ammessa società priva dei requisiti»
Sestri - Val Petronio, 06 Febbraio 2018 ore 15:18

Catering per Mediaterraneo Servizi: la minoranza sestrese interroga il sindaco e scrive all'ANAC in merito all'ammissione di una società «nonostante la mancanza di un requisito richiesto dal bando».

L'interrogazione

Mediaterraneo Servizi Srl, società partecipata al 100% dal Comune di Sestri Levante, resta nel mirino dell'opposizione sestrese. Recentemente Mediaterraneo ha emesso un avviso pubblico per la composizione dell'albo degli operatori economici per i servizi di catering a favore della società partecipata. L'avviso pubblico, valido solo per il mese di dicembre, spiegano i componenti della minoranza, richiedeva un'esperienza documentata negli ultimi tre anni e almeno cinque contratti di catering effettuati per enti pubblici o privati. All'avviso hanno partecipato quattro operatori ed esaminata la documentazione allegata l'amministratore unico Marcello Massucco ha accettato tutte le istanze componendo così l'albo delle imprese abilitate ad operare con Mediaterraneo Servizi Srl.

Qui però cascherebbe l'asino, secondo i consiglieri di minoranza: Massucco avrebbe «ammesso un operatore nonostante la mancanza di un importante requisito richiesto proprio dal bando che lui stesso ha emesso». Trattasi proprio del numero di contratti già svolti in passato che, per la società in questione, sarebbero solo 4 e non il minimo di 5 previsto. Da qui la critica domanda di Marco Conti, Albino Armanino, Gianfranco Scartabelli e Giancarlo Stagnaro: «Che senso ha emettere un avviso pubblico, tra l'altro propagandato a tutto spiano, quando poi lo stesso Amministratore contravviene alle disposizioni in esso contenute»?

L'opposizione ha così depositato un'interrogazione a risposta scritta al Sindaco Valentina Ghio per avere spiegazioni e contemporaneamente informato l' ANAC (Autorità Nazionale Anti Corruzione).