Menu
Cerca
L'omaggio

Consegnata targa all’ex partigiano Gildo Garaventa per i suoi 95 anni

Boitano (Cambiamo!): "Importante premiare chi ha difeso la democrazia"

Consegnata targa all’ex partigiano Gildo Garaventa per i suoi 95 anni
Cronaca Valli ed entroterra, 21 Marzo 2021 ore 07:41

Gildo Garaventa, detto Gill, ultimo partigiano combattente rimasto in vita, della Brigata Garibaldi SAP Bedin, compie oggi 95 anni e per questo gli è stata consegnata, presso la sua abitazione, una targa dal consigliere regionale di Cambiamo!, Giovanni Boitano, da Giuseppe Garbarino, Sindaco di Uscio, il Comune nel quale risiede tuttora, e dallo storico del paese, Bruno Garaventa. Gildo Garaventa, poco dopo aver compiuto i 18 anni, ha partecipato alle tante azioni fatte dalla SAP e ha preso parte, insieme ad altri distaccamenti e brigate, alla trattativa di resa delle truppe nazifasciste in ritirata dalla riviera di levante e dalla Lunigiana. Circa 7 mila uomini presenti sul territorio ligure, ai quali si andavano ad aggiungere i 3 mila militari e i comandi della Wermacht. Una parte di essi si arrese a Uscio, mentre la parte restante si arrese nella Tecosa, vicino a S. Alberto di Bargagli.

“Sono felice di aver preso parte, insieme al primo cittadino di Uscio, alla consegna di questa targa a Gildo Garaventa, nel giorno del suo novantacinquesimo compleanno – ha dichiarato Giovanni Boitano, consigliere regionale di Cambiamo! – Una giornata importante per premiare come merita un protagonista storico del nostro territorio che ha combattuto per la libertà del nostro paese, rischiando la vita pur di consegnarci un’Italia più libera e democratica”.

“Gildo è un simbolo per la nostra comunità, – ha concluso il Sindaco di Uscio Giuseppe Garbarino – e siamo davvero felici di poterlo insignire con questo riconoscimento. Tutta Uscio, anche se solo virtualmente, perché le norme anticovid non lo consentono, si è stretta attorno a lui per festeggiarlo. È l’ultimo testimone di una battaglia importante per la democrazia e la verità e noi siamo contenti di avere avuto l’opportunità di onorarlo come meritava“.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli