Cronaca
Moneglia

Consegnati i premi per i migliori uliveti e gli attestati del “Premio Leivi”

Presente in rappresentanza di Regione Liguria il consigliere Claudio Muzio: “La cura del patrimonio olivicolo è una tradizione che va preservata e promossa”

Consegnati i premi per i migliori uliveti e gli attestati del “Premio Leivi”
Cronaca Sestri - Val Petronio, 19 Aprile 2022 ore 15:27

Si è svolta a Moneglia nella giornata di ieri, lunedì 18 aprile, nell’ambito della 39esima Mostra Mercato dell’olio d’oliva promossa da Comune, Pro Loco e Consorzio Olivicoltori Facciù, la premiazione per i migliori uliveti e la consegna degli attestati agli olivicoltori monegliesi che hanno preso parte al “Premio Leivi” 2021.

Presente in rappresentanza di Regione Liguria il consigliere Claudio Muzio: “La cura del patrimonio olivicolo è una tradizione che va preservata e promossa”

Presenti il sindaco Claudio Magro, in rappresentanza della Regione il consigliere segretario dell’Ufficio di Presidenza Claudio Muzio, il vicepresidente del Consorzio di Tutela Olio Dop Riviera Ligure e capo panel della Camera di Commercio, Francesco Bruzzo, il sindaco di Leivi Vittorio Centanaro, l’ex presidente della Cooperativa Olivicoltori sestresi, Nicola Gandolfo, l’assessore all’Agricoltura del Comune di Sestri Levante e membro della giunta della Città dell’Olio, Mauro Battilana. La premiazione ha avuto luogo sulla terrazza dei bagni “Monilia” al termine della conferenza “L’olio d’oliva tra tradizione e novità normativa”, moderata da Sergio Vallaro. Ad ogni partecipante sono stati consegnati l’attestato “Premio Leivi” e un buono spesa. Gli uliveti premiati sono stati quelli di Riccardo Vattuone, Roberto Bertonati, Giovanni Avanzolini e Gloria Pagliettini. Il Comune di Moneglia è inoltre risultato quello con il maggior numero di uliveti partecipanti al “Premio Leivi” 2021.

 

“Gli uliveti - ha dichiarato Muzio nel suo intervento - costituiscono un fondamentale presidio per il nostro territorio, non soltanto perché chi vi si dedica porta avanti una tradizione ligure secolare e produce olio di qualità, ma anche per il valore ambientale e paesaggistico e per la funzione di contrasto e prevenzione del dissesto idrogeologico che essi svolgono. In questa prospettiva il recupero delle terre abbandonate, la cui percentuale è sensibilmente cresciuta negli ultimi 25 anni, è e sarà sempre più un tema centrale per ogni Amministrazione”.

 

“Per questo – ha aggiunto - mi sono fatto promotore a luglio dello scorso anno, d’intesa con i sindaci Magro e Centanaro e con i rappresentanti della Cooperativa Olivicoltori sestresi, della proposta di sgravi fiscali a livello nazionale per la cura e il recupero dei terreni. A dicembre alcuni parlamentari, tra cui l’on. Roberto Cassinelli (FI), hanno provato ad inserire questa proposta, tramite appositi emendamenti, tra le misure del decreto PNRR e della legge di Bilancio. Gli emendamenti, dichiarati ammissibili, non hanno però trovato adeguata copertura finanziaria e non sono stati messi al voto. Sul tema il Consiglio Regionale ha approvato all’unanimità il 16 marzo un mio ordine del giorno che impegna la Giunta ad attivarsi in sede di Conferenza Stato-Regioni per sollecitare il Governo ad assumere provvedimenti di defiscalizzazione per gli investimenti di recupero dei terreni agricoli”.

“Questa è una battaglia che intendiamo portare avanti tutti insieme con determinazione. Desidero infine ringraziare gli olivicoltori per il presidio del territorio che essi garantiscono e i rappresentanti delle Amministrazioni locali delle Cooperative che profondono un impegno e una passione che va ben al di là dei pur importanti ruoli ricoperti”, ha concluso Muzio.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter