Recco

Contributi a fondo perduto per imprese colpite dalla crisi

Stanziati dal Comune di Recco 50mila euro: per ottenerne una parte, l'impresa deve impegnarsi a non chiudere o cedere, e a non licenziare alcun dipendente, per almeno 12 mesi

Contributi a fondo perduto per imprese colpite dalla crisi
Cronaca Golfo Paradiso, 05 Dicembre 2020 ore 17:57

Il Comune di Recco mette in campo un nuovo intervento a sostegno delle imprese cittadine.

Contributi a fondo perduto per imprese colpite dalla crisi

La Giunta comunale guidata dal sindaco Carlo Gandolfo, su proposta dell’assessore alle attività produttive Enrico Zanini, ha approvato un piano straordinario di misure finanziarie a fondo perduto a favore di professionisti e commercianti recchelini, stabilendo i criteri e le modalità di erogazione dei contributi. L’iniziativa, nel quadro delle misure già attivate dall’Amministrazione, sarà finalizzata a sostenere le imprese “che si siano trovate in difficoltà economica per effetto della crisi finanziaria derivante dall’applicazione delle misure di contenimento del contagio sul territorio comunale” si legge nella delibera di Giunta.

Per il bando sono stati stanziati 50mila euro. Possono accedere al contributo i titolari di imprese che hanno avviato l’attività entro il 31 ottobre 2020, con partita Iva e registrazione presso la Camera di Commercio di Genova, compresi gli ambulanti del mercato settimanale residenti a Recco. Due le fasce di destinatari: le imprese aperte prima del 31 gennaio 2019 che nel corso del 2020 dimostrino di aver subito un calo del fatturato superiore al 60 per cento rispetto al 2019; le imprese attivate dopo il 31 gennaio 2019 temporaneamente sospese dalle disposizioni per contrastare il diffondersi del virus. Tre gli scaglioni di contributo, fino a un massimo di 2000 euro. Per poter fruire dei contributi bisogna garantire di sostenere l’economia locale ed il livello occupazionale, impegnandosi a non cedere/cessare l’attività e a non licenziare il personale dipendente, almeno per i successivi 12 mesi dopo l’assegnazione del contributo.

“Si tratta di misure straordinarie e urgenti di ristoro. Importanti per fronteggiare le esigenze economiche di operatori commerciali, piccole e medie imprese che più di altri settori stanno risentendo della crisi – affermano il sindaco Gandolfo e l’assessore Zanini – Stiamo facendo quanto è nelle nostre possibilità per sostenere il nostro tessuto economico in questo momento tanto difficile. Azioni che si aggiungono a tutte le agevolazioni legate al pagamento di tasse e imposte in favore di tutti i cittadini, il sostegno e contributo alle realtà sportive e alle varie categorie imprenditoriali”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità