Lavagna

“Controlli in spiaggia, così non va”

La segnalazione di alcuni proprietari di seconde case

“Controlli in spiaggia, così non va”
Chiavari - Lavagna, 12 Settembre 2020 ore 18:44

Ha destato malumore e diverse segnalazioni, un “accampamento” in spiaggia allestito da alcuni bagnanti nei giorni scorsi. In diversi si sono lamentati:

“In una spiaggia libera della città il 21 agosto è apparso un gazebo sotto il quale campeggiava una famiglia molto numerosa – ci segnala con tanto di foto una residente che qui ha la seconda casa e trascorre tutta l’estate a Lavagna -. Sembrava un accampamento berbero nel deserto. Hanno steso dei teli su tre lati e si sono chiusi, lasciando un’apertura solo verso il mare. Ora non ci sembra giusto che queste persone occupino gran parte della spiaggia, che in Liguria non sono certo spaziose: si potrebbe anche chiudere un occhio, se non fossimo in emergenza covid e non venisse chiesto a tutti prudenza e distaccamento sociale”.

Alcuni cittadini si sono attivati “chiamando la Polizia Locale – spiega la signora -, ma ci è stato detto di chiamare la Capitaneria di Porto, che a sua volta ci ha detto di occuparsi solo di persone in mare e non sulla spiaggia, quindi di provare con il 112, qui i Carabinieri hanno promesso di attivarsi”.

Alla fine, quest’ultimi hanno sgomberato l’accampamento improvvisato, ma resta l’amaro in bocca:

“Non è possibile che in tutta l’estate non si sia mai visto nessuno fare un giro sulla passeggiata e controllare nelle spiagge pubbliche, o nei baretti, come fosse il distanziamento. Ci sono state domeniche in cui le spiagge facevano invidia alla movida tanto nominata. E’ anche scoraggiante chiamare e vedersi rimbalzare le responsabilità di chi deve controllare. Il sindaco è contento che ci siano stati molti turisti a Lavagna, ma diversi turisti non sono contenti del controllo dato dal Comune per il problema covid”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità