Cronaca
Emergenza sanitaria

Coronavirus, giornata nera al San Martino: ben 11 morti, fra cui una recchese

Mai così tanti morti in 24 ore al San Martino dall'inizio dell'emergenza

Coronavirus, giornata nera al San Martino: ben 11 morti, fra cui una recchese
Cronaca Chiavari - Lavagna, 05 Aprile 2020 ore 15:32

Pesantissimo il bilancio delle ultime 24 ore fotografato dal bollettino del Policlinico San Martino di Genova, ben 11 morti. Fra le vittime un'anziana di Recco.

Coronavirus, giornata di record negativo al San Martino: ben 11 morti

Sono ben 11 i morti registrati nelle ultime 24 ore all'ospedale genovese e correlati all'infezione da nuovo coronavirus: 2 erano già compresi nel bollettino pubblicato ieri mentre fra gli altri 9 si registra il decesso anche di un'anziana di Recco, mancata all'età di 88 anni. Oltre a lei gli ulteriori - nuovi - 8 decessi si dividono fra 3 donne e 5 uomini, in gran parte di età avanzata e compresa fra gli 82 ed i ben 100 anni di una donna genovese ricoverata presso il padiglione 10. Tra questi, però, fa eccezione la morte anche di un paziente abbondantemente più giovane, un genovese di 56 anni, ricoverato in Rianimazione al Monoblocco. Oltre all'anziana recchese, tutti gli altri decessi sono di residenti a Genova eccezion fatta per una 82enne di Arezzo, mancata al Pronto Soccorso nell'Area Medica Critica.

Le 11 vittime in totale nel giro di 24 ore sono il record negativo, per il San Martino, dall'inizio dell'emergenza.

La situazione attuale al San Martino

Ad ora sono 39 i ricoverati in Malattie Infettive, 40 nelle 3 rianimazioni del Policlinico più 6 pazienti in sub intensiva, 28 al Padiglione 10, 75 al Padiglione 12, 34 al 5° piano della palazzina laboratori, 48 quelli gestiti al 1° piano del Pronto Soccorso, 47 al Maragliano.

La Direzione Sanitaria, inoltre, informa di aver comunicato dal 3 marzo al 28 marzo 98 decessi per Covid all’Istituto Superiore di Sanità, attraverso l'apposita piattaforma. Numeri pesanti, ancor più alla luce dei ben 11 delle ultime 24 ore: un bilancio che ha spinto l'ospedale a postare nuovamente un post "provocatorio", graffiante, sulla sua pagina Facebook, per tornare a invitare con forza e fermezza le persone a restare a casa.

Proseguono in compenso le donazioni di privati e aziende al Policlinico. Stamani alle ormai usuali 400 monoporzioni di Eataly consegnate dal team di volontari, si è aggiunto Douce Patisserie Café, che ha donato 400 brioches.