Crollo Morandi, aggiornamenti sulle attività del Commissario Delegato

Crollo Morandi, aggiornamenti sulle attività del Commissario Delegato
Chiavari - Lavagna, 04 Settembre 2018 ore 18:11

Il presidente della Regione Giovanni Toti, nominato straordinariamente Commissario Delegato per la gestione dell'emergenza del crollo del ponte Morandi, ha tracciato un bilancio sulla situazione attuale dell'emergenza e sugli interventi da fare nei prossimi mesi.

Situazione dei feriti

Il crollo del Ponto Morandi ha causato il ferimento di n. 16 persone (trasportate presso l’Ospedale Evangelico Internazionale, l’Ospedale Villa Scassi, l’Ospedale Galliera e l’Ospedale San Martino).
Dei 16 feriti 2 persone sono decedute successivamente all’arrivo in ospedale per le gravissime condizioni riportate.
Ad oggi 2 settembre 2018 sono 5 le persone ricoverate negli ospedali di Genova (1 all’Ospedale Galliera e 4 all’Ospedale San Martino), tutte in lento ma costante miglioramento e assistite da psicologi.
I restanti feriti sono stati dimessi.

Emergenza abitativa derivante dall’immediata evacuazione delle abitazioni in zona rossa

A seguito del crollo sono stati evacuati n. 11 edifici (siti in Via del Campasso n. 34 e 41, Via Porro n. 5, 7, 9, 6, 6°, 8, 10, 12, 14). Il totale del numero dei nuclei sfollati è in oggi di 255 famiglie, per un totale di 566 persone. Sono in corso lavori di ristrutturazione per oltre 300 case pubbliche da poter assegnare agli sfollati che al seguito del superamento dell'emergenza potranno essere consegnate a chi ne ha più bisogno.
Gli alloggi pubblici messi a disposizione dei nuclei familiari sfollati sono ad oggi 170, di cui 88 alloggi sono stati già assegnati o opzionati.
Gli alloggi offerti dai privati risultano essere 96, di cui 4 sono già assegnati o opzionati.
Gli alloggi offerti da Cassa Depositi e Prestiti risultano essere 50 e saranno consegnati entro il 30 settembre.
In anticipo sul cronoprogramma inizialmente previsti, tutte le persone sfollate riceveranno una sistemazione entro 3 mesi.
Il numero dei nuclei familiari che hanno richiesto il contributo della Protezione Civile è 58, per un totale 97 persone.

Trasporti e Viabilità

Per quanto riguarda i trasporti pubblici locali e regionali, per la parte di competenza regionale, sono stati prontamente attivati i primi interventi sulla programmazione dei trasporti pubblici locali e regionali finalizzati a garantire il collegamento est-ovest tra il centro cittadino e i quartieri del Ponente (non più garantito dalla rete autostradale); a garantire il collegamento nord-sud tra le parti del territorio della Val Polcevera a monte e a valle della struttura crollata, assicurando la continuità dei servizi tra la Val Polcevera ed il resto della città; ad incrementare i servizi di trasporto pubblico su tutto il territorio regionale al fine di disincentivare la mobilità privata onde evitare il congestionamento del traffico urbano.
Per quanto riguarda il servizio di trasporto ferroviario, che in Liguria riveste una particolare valenza strategica, sono state adottate le seguenti misure:
potenziamento del servizio di trasporto ferroviario regionale metropolitano tratta Genova Voltri – Genova Brignole dal 15 agosto 2018 al 2 settembre 2018 (dal 3 settembre tale servizio prosegue con le medesime modalità già previste nella programmazione ordinaria). È garantito un sevizio ogni 15 minuti, nell’ambito dell’area del comune di Genova (Genova Voltri - Genova Nervi);
dal 8 settembre p.v. nelle giornate prefestive e festive, avvio del potenziamento del servizio di trasporto ferroviario regionale suburbano tratta Savona – Sestri Levante (fermata in tutte le località analogamente al sistema feriale). È garantito, indicativamente, un sevizio ogni 30 minuti, anche nelle giornate festive e prefestive, analogamente a quelle feriali, al fine di favorire la mobilità non sistematica con il mezzo pubblico
dal 17 settembre p.v. saranno attivate, nei giorni feriali, due coppie di servizi ferroviari regionali di dedia percorrenza dal ponente ligure verso Genova (tratta Savona – Genova Brignole con fermate nelle stazioni Cogoleto, Arenzano, Genova Voltri, Genova Sestri Ponente, Genova Sampierdarena, Genova Piazza Principe). Tale implementazione garantisce un aumento del servizio ferroviario sia per gli utenti della tratta sia per gli utenti che dall’estremo ponente, attraverso l’interscambio auto/treno a Savona, possono raggiungere Genova con il treno.
Si sta lavorando per implementare il numero dei posti offerti, a partire dal 17 settembre p.v., aggiungendo carrozze tipo Vivalto (doppio piano), in composizione ai treni già in servizio. È stato deciso di sterilizzare l’aumento del 2% delle tariffe ferroviarie previsto dal Contratto di servizio a decorrere dal 1 gennaio 2019.
Per quanto riguarda il servizio di trasporto su gomma dal 17 settembre verrà implementato il servizio di TPL di collegamento tra le stazioni ferroviarie di Andora, Diano Marina e Imperia con i centri urbani al fine di incentivare e facilitare l’accesso ai servizi ferroviari:
Stazione di Imperia:
servizio feriale: incremento dell’offerta di servizio portandola ad 1 corsa ogni mezz’ora sia in andata che in ritorno, pari a 12 coppie di corse giornaliere; estensione dell’offerta fino alle 21 (attualmente termina alle 19 non garantendo la coincidenza con gli ultimi treni in arrivo/partenza);
servizio festivo: aggiunta di 6 coppie di corse al mattino;
Stazione di Diano:
servizio feriale: incremento dell’offerta di 6 coppie di corse giornaliere ed estensione dell’offerta fino alle 21 (attualmente termina alle 19 non garantendo la coincidenza con gli ultimi treni in arrivo/partenza);
servizio festivo: effettuazione del servizio come nelle giornate feriali;
Stazione di Andora:
servizio feriale: aggiunta di 4 corse in coincidenza con le corse ferroviarie ad oggi scoperte dal servizio di adduzione/deflusso;

Per quanto riguarda il servizio di trasporto marittimo è stata effettuata l’Implementazione del servizio di trasporto marittimo in ambito urbano genovese, tra Genova Pegli e il Porto Antico, attraverso l’aggiunta di 3 coppie di corse pari al 75% in più del servizio offerto.
Per quanto riguarda la parte di competenza comunale, l’Azienda Mobilità e Trasporti del Comune di Genova (AMT S.p.A.) a partire dal 14 agosto ha tempestivamente organizzato servizi supplementari per assicurare i collegamenti tra la Valpolcevera ed il resto sella Città stante la chiusura delle principali vie di comunicazione della Valle.
In particolare, sono state adottate le seguenti misure:
è stato rafforzato il servizio della metropolitana che e passato da subito da 4 a 5 treni. Inoltre lo stesso è stato ampliato come nastro da 6 - 21 a 5 - 21,30 ed è stata istituita una navetta notturna Brin-Dinegro ogni 15 minuti che interscambia con le linee notturne di superficie dirette sia a Ponente sia verso il centro (Metro h24);
sono state rinforzate le linee di superficie dirette a Brin e sulla direttrice Ponente -  Centro, con le linee sussidiarie Bolzaneto - Metro (BM) e Sestri - Principe (SP) con transito in Aeroporto in entrambe le direzioni;
è stata istituita la linea FP che collega Via Fillak (zona non interdetta) con Principe;
è stata fatta l’integrazione tariffaria AMT - ATP per facilitare l'interscambio tra i vettori urbani ed extraurbani;
è stato potenziato con 6 corse aggiuntive il Navebus e si sta cercando di trovare un accordo con i Battellieri anche per alcune corse al sabato e domenica mattina.

Le linee sussidiarie della metropolitana oltre alla tratta Brin Dinegro sono gratuite per incentivare l'utilizzo del mezzo pubblico.
I prossimi interventi riguarderanno l'ulteriore rinforzo delle linee urbane e della Metro (6 treni dal 3 settembre) per far fronte al progressivo rientro in città dei genovesi.
I treni raggiungeranno 7/8 unità dal 17 settembre con le scuole aperte.
Per consentire la velocizzazione dei transiti da Sestri all'Aeroporto, è allo studio uno shuttle bus che partendo dalla Stazione FFSS transiti solo all'interno dell'aeroporto senza commistione con il traffico privato.
Inoltre si sta lavorando ad un accordo con Trenitalia per riconoscere la validità dell'abbonamento integrato AMT - ATP alle tratte FFSS urbane.

Scuola

Delle 566 persone sfollate, n. 101 persone sfollate risultano essere studenti.
Per garantire la continuità didattica e il diritto allo studio è stato attivato un gruppo di lavoro di emergenza scolastica composto da Regione Liguria, MIUR-Task Force Emergenze-Direzione generale per lo studente, l’integrazione e la partecipazione, Comune di Genova, Città Metropolitana di Genova, ANCI Liguria.

Allo stato attuale sono state attivate le seguenti misure:
attivazione di un numero e una mail dedicata per informazioni su scuola e mobilità;
apertura di due Info Point per informazioni/segnalazioni;
creazione di una banca dati;
flessibilità degli orari in entrata e uscita da scuola e per eventuali trasferimenti da una scuola all’altra;
potenziamento dell’offerta formativa;
predisposizione di un piano di trasporti speciali con previsione di trasporto diretto domicilio/scuola;
fornitura agli studenti sfollati del materiale didattico;
esenzione pagamento tasse universitarie;
supporto psicologico.

Vi sono inoltre 563 alunni, tra i 6 e 14 anni, non sfollati per i quali è segnalata una evidente difficoltà nel raggiungimento del proprio sito didattico a causa del persistere della zona rossa di interdizione al traffico dei veicoli e delle persone. Per costoro si sta istituendo un apposito servizio di trasporto pubblico (scuola bus) attivato dalle singole scuole e pagato con i fondi stanziati dal MIUR.
A ciò occorre aggiungere un flusso di circa 2600 alunni delle scuole superiori interessati dalla medesima difficoltà di raggiungimento dei propri siti scolastici, per costoro sono stati istituiti servizi navetta per condurli alle stazioni delle ferrovie e della metropolitana al fine di facilitare il raggiungimento delle scuole.
All’interno dei nodi di interscambio dei servizi pubblici verranno istituiti appositi info point per gli studenti.

Infrastrutture stradali e portuali

Per quanto riguarda gli interventi infrastrutturali stradali e portuali sono stati individuati gli interventi prioritari:

1) Direttrice lungomare Canepa-Strada a mare
Sono stati realizzati gli interventi relativi alla modifica e all’ampliamento della rotatoria tra Via Albareto/Siffredi.
Sono in corso gli interventi relativi al LOTTO 10 - Rampe di collegamento fra la strada a mare e lo svincolo autostradale Ge-Aeroporto e al Lungomare Canepa accelerazione e completamento asfaltatura 3+3 corsie.
Seguiranno le attività relative a Modifica collegamento sopraelevata/Lungomare Canepa e Piazza Savio, spostamento capolinea, realizzazione percorso pedonale e segnaletica Sestri/Cornigliano.

2) Strada provvisoria di attraversamento ponente/levante nelle aree Ilva di Cornigliano e collegamento con il porto
E’ in corso la realizzazione delle asfaltature per istituire un collegamento diretto fra lo svincolo autostradale ed il porto, per evitare il transito dei mezzi pesanti sulle strade cittadine.
Si provvederà al ripristino delle parti ammalorate del viadotto di accesso all’aeroporto, alla modifica del tratto di innesto in autostrada poiché risulta possibile realizzare un tracciato fluido a 2 corsie per senso di marcia in corrispondenza del preesistente innesto.
Si provvederà inoltre ad avviare interventi sulla segnaletica e di miglioria locale all’immissione della nuova galleria di Erzelli sullo svincolo.

3) Riapertura della strada di sponda destra del Polcevera e collegamento provvisorio con il porto
Sono in corso i lavori per l’attivazione di una direttrice, mediante la creazione di una pista provvisoria in aree della Società per Cornigliano, incluso l’utilizzo del sottopasso viario ubicato in corrispondenza del terminale sud idoneo al transito a doppio senso per consentire un accesso diretto dei veicoli pesanti verso il porto e provenienti dallo svincolo di Bolzaneto.
Dovranno essere avviati verifiche e collaudi della strada di sponda destra del Polcevera, inclusi interventi di modifica alla segnaletica per utilizzare la strada nei due sensi di marcia e la Messa in sicurezza della “Fabbrica del Riciclo”.

4) Parcheggi di interscambio, nei pressi delle stazioni ferroviarie, per riduzione accesso veicolare al centro cittadino
E’ stata realizzata modifica senso di marcia verso mare di Via Fiamme Gialle.
E’ stata rimossa rotatoria di Via Molteni.
Sono in corso i lavori di realizzazione del parcheggio a Prà e capolinea provvisorio.
Sono in corso i lavori di realizzazione parcheggio a Rivarolo in Via Pisoni.
Sono in corso i lavori di realizzazione Interventi diffusi per l’eliminazione interferenze, nuova segnaletica e asfaltature diffuse.

Risultano da avviare i seguenti interventi:
Realizzazione parcheggio di interscambio in prossimità della stazione ferrovia di Voltri su area demaniale.
Riapertura del parcheggio di interscambio nella stazione ferroviaria di Pegli.
Ampliamento Parcheggio di Prà attraverso fast-park
Realizzazione parcheggio di interscambio stazione di Quinto.
Realizzazione parcheggio a Pontedecimo (2 aree RFI)
Realizzazione parcheggio a Bolzaneto (area RFI)
Ampliamento park interscambio Metro Dinegro
La relativa segnaletica stradale
Risultano inoltre ancora da avviare le seguenti attività:

5) Migliorie dell’itinerario stradale Via borzoli e Via fegino
6) Bypass stradale provvisorio alternativo al tratto compromesso di Via fillak
7) Riapertura della strada di sponda sinistra del Polcevera (alta)
8) Ipotesi di attraversamento ponte carrabile sul Polcevera (alta)
9) Interventi da realizzare nell’ambito delle aree di competenza dell’autorità portuale

Imprese e occupazione

E' in corso la messa in sicurezza delle imprese site nella zona interessata dal crollo del Ponte Morandi. Alla data del 30 agosto 2018 le imprese a vario titolo che hanno registrato danni diretti e indiretti sono n. 1432. Le imprese che hanno registrato danni materiali diretti con sede e localizzazione all’interno della zona rossa sono n. 40. Tali aziende sono soggette a ipotesi di delocalizzazione.
Sono state adottate le seguenti misure:
attivazione da parte della Regione di un num. Verde per le imprese danneggiate gestito dalla Camera di Commercio.
richiesta al Governo di sospendere gli obblighi contributivi e fiscali a carico delle imprese ubicate nell’area interessata dall’emergenza, per almeno 12 mesi.
Predisposizione di apposito modello di approvazione della Giunta per la segnalazione dei danni, da presentarsi entro il 1 ottobre.
Sospensione per un periodo di 12 mesi dei debiti relativi a piani di ammortamento di agevolazioni concessi alle PMI danneggiate.
Priorità nella partecipazione dei prossimi bandi regionali per le imprese ubicate nell’area interessata dall’emergenza.
Richiesta al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di:
cassa integrazione in deroga per le piccole aziende del commercio dell’artigianato;
sostegno al reddito in favore dei lavoratori del settore privato operanti nella zona colpita dal crollo;
indennità in favore dei lavoratori autonomi;
richiesta di sblocco da parte dell’INPS di 15milioni di euro destinati alla Regione per interventi di politica attiva del lavoro.

Rifiuti e macerie

Per quanto riguarda le macerie sono stata messe a disposizione: un’area a Bolzaneto (cosiddetta “Area Penisola”) di proprietà comunale, dove è in corso lo stoccaggio dei materiali sciolti e degli automezzi coinvolti nel crollo e le aree dell’Isola Ecologica interessate dall’evento, dove è in corso lo stoccaggio dei blocchi di grande dimensione per le verifiche peritali. Una vasta area è stata offerta dalla Società Autostrade, sedime dell’ex Stabilimento Gaslini a Trasta.
Ad oggi è in corso lo sgombero delle macerie nella zona del Polcevera. Restano da sgomberare 800 metri cubi di materiale dei 5 mila metri cubi di materiale di partenza.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter