Da Castiglione al MIT di Boston, la storia di Alessandro Chioino

L'Università di Trieste gli ha conferito una borsa di studio. La partenza di Alessandro per il Massachusets proprio quest'oggi: auguri!

Da Castiglione al MIT di Boston, la storia di Alessandro Chioino
Sestri - Val Petronio, 23 Febbraio 2018 ore 11:54

Dal piccolo paese della Val Petronio al Massachusetts Institute of Technology di Boston. Passando per l’Università degli Studi di Trieste, dove il venticinquenne Alessandro Chioino, nato a Chiavari il 18 febbraio 1993, ad inizio del mese di febbraio, ha ottenuto una borsa di studio.

Da Castiglione al MIT di Boston, la storia di Alessandro

Dopo aver conseguito la maturità classica al liceo Delpino di Chiavari, Chioino si è laureato in biologia a Genova con la valutazione di 110 e lode, presentando una tesi sulla malformazione di Chiari di tipo 1 e, frequentando il tirocinio all’ospedale Giannina Gaslini di Genova. Iscritto all’International Master’s Degree in Neuroscienze a Trieste, Alessandro negli ultimi mesi ha fatto domanda per frequentare la più importante università di ricerca del mondo. Dopo numerosi colloqui è stato selezionato dalla prestigiosa università americana dove preparerà la tesi finale del suo lungo, e ricco di soddisfazioni, percorso di studi. La tesi sarà incentrata sul nucleo basolaterale dell’amigdala, struttura del cervello coinvolta nel controllo delle emozioni, soprattutto la paura, e nella memoria emozionale.

Felice di partire per questa importantissima esperienza formativa e professionale, Alessandro è conscio che lo aspetta un duro lavoro per i prossimi mesi, studiando insieme a diversi talenti mondiali della ricerca. Non facile, il percorso di selezione per entrare al MIT di Boston. Dal mese di agosto del 2017, Alessandro ha tenuto decine di video colloqui in inglese, lingua che conosce con grande padronanza e primo importante “step” da superare per affrontare l’avventura a stelle e strisce. Secondo gradino da scalare, quello di dimostrare le alte votazioni conseguite nel proprio percorso universitario. E poi l’essere in regola con gli esami, la presentazione di un prospetto, la capacità di laboratorio e la partecipazione ad altri tirocini nel paese d’appartenenza.

Superati tutti i passaggi, e con il conferimento della borsa di studio, Alessandro parte proprio oggi, venerdì 23 febbraio. Un altro cervello in fuga: che a Castiglione, si spera, sia di pronto ritorno.