L'inchiesta

Denunciato pensionato di Casarza Ligure per possesso di materiale pedopornografico

Coinvolge anche il Levante ligure l’operazione anti-pedopornografia scattata su tutto il territorio nazionale, coordinata dalla procura di Catania e condotta dal Centro operativo per la sicurezza cibernetica della polizia postale etnea

Denunciato pensionato di Casarza Ligure per possesso di materiale pedopornografico
Pubblicato:
Aggiornato:

Coinvolge anche il Levante ligure l’operazione anti-pedopornografia scattata su tutto il territorio nazionale, coordinata dalla procura di Catania e condotta dal Centro operativo per la sicurezza cibernetica della polizia postale etnea.

Denunciato un pensionato di Casarza Ligure

Gli agenti della postale hanno perquisito l’abitazione di un pensionato di Casarza Ligure, denunciato a piede libero per possesso di materiale pedopornografico: all’uomo sono stati sequestrati computer e smartphone.

L’operazione a livello nazionale

Migliaia di foto e video pedopornografici e addirittura il formato digitale di un libro in lingua spagnola intitolato “Guia del pedofilo” (“Guida del pedofilo”): questo l’orrore scoperto con lo svolgimento dell’inchiesta. Nove le persone arrestate e 26 i nomi iscritti nel registro degli indagati: tutti “navigatori del web” in possesso di file che mostravano bambini intenti a subire violenze sessuali. In Liguria, oltre alla succitata denuncia scattata per un pensionato di Casarza Ligure, è stato arrestato un 40enne autotrasportatore di Imperia ed è ricercato un impiegato genovese avente un ruolo in svariate chat con la persona considerata il capo della rete di pedofili scoperta dagli inquirenti catanesi.

Seguici sui nostri canali