Santa Margherita

Dopo la multa per i ragazzi senza mascherine, il Covo fa ricorso e cambia il programma

Un importante segnale di collaborazione verso le Forze dell’Ordine, per prevenire qualsiasi disturbo e problema

Dopo la multa per i ragazzi senza mascherine, il Covo fa ricorso e cambia il programma
Rapallo - Santa Margherita, 14 Luglio 2020 ore 11:35

Cambia la programmazione del Covo di Nord Est di Santa Margherita Ligure. Un importante segnale di collaborazione verso le Forze dell’Ordine, per prevenire qualsiasi disturbo e problema, visti gli avvenimenti accaduti in centro a Santa Margherita Ligure, anche se nella maggior parte dei casi in giorni in cui il Covo stesso era chiuso.

Il giovedì diventa la serata per i più giovani, riservata alla clientela minorenne, nel corso della quale saranno serviti solo ed esclusivamente bibite e drink analcolici. “Una scelta precisa per garantire ai clienti stessi e alle famiglie ancora più sicurezza – spiegano i gestori del Covo di Nord Est –. A partire da questa settimana, le serate del mercoledì, venerdì e sabato saranno riservate, invece, esclusivamente ad una clientela maggiorenne. Si ricorda che il mercoledì, venerdì e sabato (destinato agli over 25) l’accesso al locale avverrà solo dopo, oltre alla misurazione della temperatura corporea, la presentazione di un documento d’identità valido e non fotocopia che attesti la maggiore età e nel rispetto di tutte le prescrizioni dettate dalle linee guida per la riapertura delle attività ricreative approvate dalla Conferenza delle Regioni in data 11/6/2020 e recepite con ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 37/2020. Il giovedì “under 18″, prima dell’ingresso, ogni partecipante sarà sottoposto ad alcool test. Inoltre, proprio per evitare l’arrivo di giovani già in stato di alterazione, organizzeremo promozioni pizza+bibita prima della serata danzante per evitare assembramenti in giro per la città”.

Per quanto riguarda la contestazione che è stata fatta al Covo di Nord Est perché alcuni partecipanti ad una serata non rispettavano il distanziamento sociale e non indossavano la mascherina “riteniamo di non essere noi i responsabili, per cui faremo ricorso – annunciano i gestori –. si tratta di responsabilità personale dei clienti come evidenziato nelle linee guida approvate dalla Conferenza delle Regioni e recepite con ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 37/2020 a cui sono soggette le discoteche. Un protocollo differente da quello di bar e ristoranti. Naturalmente siamo a disposizione delle Forze dell’Ordine per chiarire questi aspetti e, in caso di diversa interpretazione, siamo ovviamente pronti ad adeguarci”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità