Chiavari

Doppia inaugurazione a Preli: nuove sedi per le associazioni e un nuovo spazio per il nuoto d’inverno

Questa mattina l’inaugurazione degli spazi che il comune di Chiavari ha concesso in comodato gratuito nel tratto più a levante di lungomare dei Gotuzzo

Doppia inaugurazione a Preli: nuove sedi per le associazioni e un nuovo spazio per il nuoto d’inverno
Chiavari - Lavagna, 14 Novembre 2020 ore 13:51

Le associazioni Pro Scogli e Amici del Mare e degli Scogli possono contare su due nuovi locali da adibire a sede e punto di ritrovo per gli iscritti, al piano terra del complesso “Gli Scogli” di via Preli, per un totale di 110 mq.

Doppia inaugurazione a Preli: nuove sedi per le associazioni e un nuovo spazio per il nuoto d’inverno

Questa mattina l’inaugurazione degli spazi che il comune di Chiavari ha concesso in comodato gratuito nel tratto più a levante di lungomare dei Gotuzzo. Presenti, oltre agli amministratori cittadini, anche l’assessore regionale Ilaria Cavo e il consigliere regionale Sandro Garibaldi.

«Finalmente le due associazioni avranno disposizione locali idonei e a norma per poter espletare le proprie attività, legate alle tradizioni sportive e marinare. La mia amministrazione ha sempre sostenuto, e continuerà a farlo, il mondo dell’associazionismo perché oltre ad essere un presidio del territorio, svolge l’importante funzione di aggregazione ma anche di trasmissione di una consapevolezza storica e di un patrimonio di conoscenze ed esperienze davvero unico» dichiara il primo cittadino di Chiavari, Marco Di Capua.

Inoltre, grazie ad un progetto firmato dal comune insieme alla Chiavari Nuoto, alla Pro Scogli e Amici del Mare e degli Scogli, da oggi è possibile nuotare d’inverno all’aperto, all’interno del pennello di piazza Gagliardo.

«Viste le limitazioni in vigore relative all’emergenza sanitaria, che prevedono la chiusura di palestre e impianti sportivi, abbiamo studiato questa nuova possibilità per i nuotatori chiavaresi, agonisti e non. Da oggi sarà possibile, all’interno di un contesto sicuro e delimitato, utilizzare la splendida piscina naturale tra piazza Gagliardo e la colonia Fara, con tre boe poste a distanza per ottenere un percorso di 400 metri. Ringraziamo Italsub, soprattutto Massimo Garbarino, per averci aiutato ad installarle velocemente e Seac Sub, che a breve posizionerà una doccia calda – spiegano Gianluca Ratto e Antonio Segalerba, rispettivamente assessore allo sport e presidente del consiglio comunale – L’iniziativa si inserisce in un contesto più ampio, una serie di progetti per poter vivere Chiavari all’aperto in questo momento di pandemia, incoraggiando la popolazione a fare sport ma con le dovute precauzioni: si aggiungono a quest’idea i tre itinerari escursionistici in collina, in fase di delineazione, e le piste ciclabili cittadine e nell’oasi faunistica dell’Entella, in corso di realizzazione».

Aggiunge Danilo Ghio, presidente della Chiavari Nuoto: «Abbiamo accolto con entusiasmo l’iniziativa dell’amministrazione, dedicata al nuoto invernale e nello specifico riguardante la creazione di un campo boe situato nella piscina naturale antistante alla colonia Fara. In questi ultimi anni il numero di appassionati che regolarmente nuotano in mare, anche durante la stagione invernale, sta crescendo e, poterlo fare in uno spazio così bello, penso possa avere un effetto trainante anche nei confronti di nuovi adepti. Infine, contrariamente a quanto si possa pensare, il nuoto in acque fredde ha effetti benefici sulla salute, alcuni studi hanno rilevato come rafforzi il sistema immunitario, migliori la circolazione, consenta di bruciare calorie e riduca lo stress».

Chiude l’assessore regionale, Ilaria Cavo: «Una bella giornata dedicata a chi non si ferma, un segnale importante di una amministrazione che vuole guardare avanti. I locali assegnati alle associazioni permetteranno l’aggregazione sociale, non solo per praticare sport ma per ritrovarsi quando sarà superato questo momento di difficoltà. Mentre, l’inaugurazione della piscina naturale è sicuramente un’opportunità di fare sport all’aperto ma allo stesso tempo un momento dedicato alla socialità e all’inclusione: l’incontro più bello di oggi è stato quello con Paolo Dominoni, un atleta disabile che ha preso parte alla nuotata e che ha spiegato la necessità di allenarsi, nonostante la chiusura delle piscine, tutto l’anno e in sicurezza».

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità