Il punto

“Durante le allerte arancioni e rosse la raccolta differenziata è sospesa”

A ricordarlo, Rinaldo Levaggi (Protezione Civile): i rifiuti lasciati in strada possono tappare tombini e causare allagamenti

“Durante le allerte arancioni e rosse la raccolta differenziata è sospesa”
Chiavari - Lavagna, 01 Novembre 2020 ore 09:28

Durante le allerte meteorologiche arancioni e rosse, la raccolta differenziata porta a porta è sospesa, come recita il piano comunale di Protezione Civile.

Il punto

Prima, durante e dopo questi eventi, sempre meglio continuare ad adottare le migliori precauzioni. A ricordarlo, lo scorso giovedì 15 ottobre all’auditorium San Francesco di piazza Matteotti durante la riunione voluta dal comune con il mondo della scuola sulle norme di protezione civile, il coordinatore del gruppo di protezione Civile della Croce Verde Chiavarese Rinaldo Lavaggi:

“Durante il nubifragio notturno dell’ultima allerta meteo rossa di qualche settimana fa, in via Piacenza e in via Entella abbiamo notato che tante caditoie erano tappate soprattutto da carta e cartone – racconta -. Questi rifiuti erano stati depositati, molto presumibilmente, dai cittadini che hanno forse dimenticato che quando l’allerta è rossa, e arancione, la differenziata in città è sospesa”.

I rifiuti hanno dunque tappato i tombini, allagando la strada, con l’acqua che non riusciva più a defluire nei canali di scolo. Canali, che a differenza del passato, hanno retto l’allerta, anche grazie ai tanti lavori di pulizia. Ma un altro segnale preoccupante è la sottovalutazione di questi eventi meteo:

“Sempre in quei momenti abbiamo notato che in tanti negozi, che poi si sono allagati, non erano poste le paratie. Con gli anni forse, ci stiamo dimenticando di quanto successo e si stanno sottovalutando le allerte meteo? Le cause degli allagamenti del nubifragio di tre settimane fa sono dovute quindi a problemi esterni, come il conferimento dei rifiuti e la mancanza di prevenzione, e non dalla pulizia dei canali, che una volta stappati i tombini hanno correttamente e velocemente fatto defluire l’acqua”.

Durante la riunione hanno partecipato anche tutti i dirigenti dei plessi scolastici della città, che hanno proposto modalità tempestive nell’informare sulle allerte, come regolarsi in caso di passaggio da arancione a rossa, e l’applicazione della didattica a distanza in caso di allerta arancione e rossa.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità