Eventi e musica nei locali di Santa: accordo tra commercianti e Comune

Musica, limiti orari ed acustici: compromesso fra esigenze turistiche e residenziali

Eventi e musica nei locali di Santa: accordo tra commercianti e Comune
Rapallo - Santa Margherita, 22 Luglio 2018 ore 16:36

Il sindaco Paolo Donadoni, l’assessore Valerio Costa, la consigliere Carmela Pinamonti. Paolo Barabino presidente del CIV Costa dei Delfini, Augusto Sartori presidente dell’Ascom, Alessandro Palli presidente di Santa 2.0. Amministrazione comunale e rappresentanti del tessuto commerciale cittadino, seduti allo stesso tavolo per esaminare le criticità legate alla contrazione dell’orario in cui è consentito tenere la musica accesa nei locali durante la stagione estiva.

Santa Margherita, movida e limiti

E’ stata definita una soluzione concordata che conferma il limite orario per le ore 0.30 per 5 giorni alla settimana e prevede la possibilità di mantenere la musica – con i limiti di volume di cui al vigente regolamento comunale – fino alle ore 1.30 nelle sole sere di venerdì e sabato dei mesi di luglio e agosto, per salvaguardare la vocazione turistica cittadina contemperandola con le esigenze al riposo e alla quiete notturna dei cittadini.

Questa la posizione delle tre associazioni: «Siamo disponibili a partecipare al programma attivato dall’Amministrazione per la lotta all’abuso di alcool dei minorenni. Presto su questo tema verranno quindi intraprese iniziative congiunte». Toni ben più duri aveva usato la stessa Santa 2.0, prima di questo incontro in Comune. « E’ stata presentata in data 10 maggio la richiesta di patrocinio per le cartine in maniera tale da poterne stampare altre 10000 da distribuire al terminal traghetti in occasione degli sbarchi delle crociere; a distanza di 2 mesi non si è ricevuta risposta alcuna, negativa o positiva che sia, impedendo a tutti gli effetti di accogliere al meglio i turisti e ostacolando anche la visibilità dei soci». E gran parte della quota associativa di Santa 2.0 è stata investita in questo progetto. «Inoltre, è inutile pensare agli eventi quando la città, nonostante le richieste presentate al tavolo di lavoro più di un anno fa, sì presenta buia, con illuminazione scarsa e la zona giardini sempre soggetta a blackout; sporca, peggiorata ulteriormente con il nuovo sistema di differenziata che presenta notevoli lacune; invasa da ambulanti e clochard che, nonostante la nuova ordinanza "anti-bivacco", continuano a sporcare la città, gettando bottiglie di vetro nei giardini, litigando fra loro spesso picchiandosi e urinandosi addirittura addosso come abbiamo potuto notare anche durante la distribuzione delle cuffie della "Silent Disco" il 30 giugno scorso».