Emergenza sanitaria

Ferie e permessi dei sanitari congelati. FP CGIL: «Pronti alla proclamazione dello stato di agitazione»

«Ancora una volta i lavoratori pagano gli errori di chi doveva organizzare il sistema e non lo ha fatto»

Ferie e permessi dei sanitari congelati. FP CGIL: «Pronti alla proclamazione dello stato di agitazione»
Chiavari - Lavagna, 24 Ottobre 2020 ore 15:50

La Funzione Pubblica Cgil chiede un incontro urgente al Governatore Giovanni Toti, con il coinvolgimento di Alisa e delle Direzioni Generali delle Aziende sanitarie per affrontare le misure da adottare in questa fase di emergenza pandemica.

Ferie e permessi dei sanitari congelati. FP CGIL: «Pronti alla proclamazione dello stato di agitazione»

«Siamo pronti alla proclamazione dello stato di agitazione ed alla mobilitazione dei lavoratori», tuona il sindacato, in seguito alla decisione del sistema sanitario ligure di congelare almeno sino a gennaio, per far fronte all’emergenza pandemica, ferie e permessi – compresi quelli relativi alla 104 – del personale sanitario. «Anziché programmare seriamente le misure da mettere in atto, Alisa sospende ferie e permessi per i professionisti sanitari: ancora una volta i lavoratori pagano gli errori di chi doveva organizzare il sistema e non lo ha fatto».

«Ancora una volta Alisa scarica sul personale sanitario delle Asl la sua incapacità – continua la CGIL – Ieri ha adottato un provvedimento che suggerisce alle Asl di bloccare ferie e permessi fino al 31 gennaio, riducendo, senza poterlo fare, autodenunciando la propria non conoscenza delle norme, anche quelli per la Legge 104, ossia per coloro che assistono familiari disabili. La ragione sarebbe correlata all’aumento di casi positivi fra il personale. Questo è l’unico atto che hanno saputo mettere in campo per rispondere all’epidemia Covid-19. Denunciamo da tempo le carenze d’organico in sanità: già prima del Covid in Liguria mancavano più di mille professionisti. Chiediamo dall’inizio dell’epidemia di adottare protocolli stringenti per proteggere i lavoratori dal contagio. Abbiamo fatto proposte fattive e sollecitato la Regione perché nei mesi “della tregua estiva” organizzasse in modo efficace i servizi in vista della nuova ondata, ampiamente prevista, e assumesse tutto il personale che serviva. Non è stato fatto nulla. Un numero di assunzioni, perlopiù precarie, insufficiente e improvvisazione davanti all’aumento di casi».

«Vergogna!», tuona ancora il sindacato, nelle persone di Maurizio Gualdi ed Alessandra Guazzetti, rispettivamente Segretario Generale Fp Cgil Genova e Segretaria Fp Cgil Liguria: «Si preferisce spremere personale che lavora in condizioni precarie e disastrose da febbraio. Ci domandiamo se questo è il “modello Liguria” che vogliamo esportare! Serve rispetto, servono investimenti, serve una seria capacità di programmazione. Noi ci siamo, con i lavoratori della sanità siamo pronti alla mobilitazione».

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità