Festività pasquali, gli ospedali genovesi e tigullini si preparano al maggiore afflusso di pazienti

Da oggi a martedì stop ai ricoveri medici e chirurgici nell'Asl 4: pronta l'unità di crisi

Festività pasquali, gli ospedali genovesi e tigullini si preparano al maggiore afflusso di pazienti
Chiavari - Lavagna, 30 Marzo 2018 ore 18:37

Sistema sanitario ligure pronto a far fronte alle festività pasquali, che recano con sé, come a Natale, picchi di urgenze nei pronto soccorso.

Viale: «Il sistema è attrezzato alla risposta efficace»

«Il sistema sanitario è attrezzato per garantire una risposta efficace in caso di maggiore afflusso di pazienti durante le prossime festività pasquali. Le misure adottate dalle diverse Asl e aziende ospedaliere sono state coordinate dal Diar – Dipartimento Interaziendale regionale dell’Emergenza, che ha già avviato un percorso di potenziamento ciclico dei Pronto soccorso nei periodi potenzialmente più critici che possono essere le festività oppure, ad esempio, l’emergenza influenzale». Così la vicepresidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria Sonia Viale, che oggi, presso la sala stampa adiacente alla centrale operativa del Nue 112 presso l’Ospedale Policlinico San Martino ha fatto il punto insieme ai responsabili delle diverse aziende sanitarie e ospedaliere alla vigilia delle festività pasquali. «Ogni Asl e azienda ospedaliera – ha spiegato l’assessore Viale - si è organizzata a seconda delle caratteristiche del proprio territorio con l’attivazione di Unità di crisi, il potenziamento dell’organico e della Continuità assistenziale (Guardia medica) e con l’apertura di ambulatori per i codici bianchi, in particolare all’Ospedale Policlinico San Martino. È previsto un potenziamento degli organici anche il martedì mattina successivo alle festività in quanto ci aspettiamo possa essere un momento delicato. Voglio quindi ringraziare tutto il personale che, con impegno e dedizione, sarà in servizio nei giorni delle festività pasquali».

Le misure nella Asl4

In gran parte degli ospedali liguri, dunque, turni pieni del personale, monitoraggi specifici dei flussi e blocco dei ricoveri ordinari onde lasciare liberi posti letto. Per quanto riguarda l'Asl4 chiavarese ed i suoi presidi, in particolare l'ospedale lavagnese, previsione di organico a pieno regime (come nei giorni feriali) con un potenziamento tra le 11 e le 18; blocco dei ricoveri medici e chirurgici da oggi, venerdì 30 marzo, a martedì 3 aprile compreso; apertura dell’area di crisi con 7 posti letto; costante monitoraggio delle dimissioni.