IL PUNTO

FIAB presenta alla Città Metropolitana le sue proposte per il Biciplan

"Finalmente non ci saranno più interventi disarticolati ma ogni iniziativa intrapresa lo sarà nell'ambito del Biciplan"

FIAB presenta alla Città Metropolitana le sue proposte per il Biciplan
Sestri - Val Petronio, 07 Settembre 2020 ore 10:11

Sono più di quaranta pagine di proposte per sviluppare la mobilità ciclistica nel territorio della Città Metropolitana di Genova quelle che FIAB Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta ha presentato, nell’ambito di un processo partecipato, all’Amministrazione Metropolitana impegnata nella creazione del Biciplan.

La legge 2/2018 sulla mobilità ciclistica assegna infatti ai comuni con più di 100.000 abitanti ed alle città metropolitane il compito di redigere il piano che regolerà gli interventi in favore delle due ruote a pedali per gli anni a venire.
Finalmente non ci saranno più interventi disarticolati ma ogni iniziativa intrapresa lo sarà nell’ambito del Biciplan. Si eviteranno così iniziative come quei 50 metri di ciclabile davanti alla stazione di Genova Brignole che finiscono nel nulla o si risolveranno criticità come l’attraversamento delle gallerie di Sant’Anna tra Cavi e Sestri Levante.
Biciplan non è solo piste e percorsi ciclabili, previsti almeno 400 km tra percorrenze di carattere regionale, comunale e vie verdi ma è anche sistemi di incentivazione per chi usa la bici, intermodalità bici più trasporto pubblico, cicloposteggi, sicurezza stradale, lotta ai furti, comunicazione e formazione.
FIAB Genova e FIAB Tigullio, locali associazioni della Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta hanno inteso collaborare alla redazione del Biciplan fornendo il loro contributo nell’individuazione delle azioni per raggiungere gli obiettivi dello stesso. È stato quindi formato un gruppo di lavoro di 19 volontari, tutti utilizzatori della bicicletta ed alcuni dei quali professionisti che si occupano a vario titolo di mobilità ciclistica, che hanno elaborato un documento consegnato alla Città Metropolitana ed a disposizione di tutti i cittadini alla pagina: https://bitly.com/proposte_biciplan.
Nell’allegato al documento ci sono anche interessanti spunti di percorsi su vie verdi con link alla relativa cartografia.
“FIAB è universalmente riconosciuta come associazione con le necessarie competenze in materia di mobilità ciclistica sotto tutti i suoi aspetti. A Genova, ad esempio, abbiamo fornito gratuitamente assieme a Confprofessioni il progetto di 130 km di rete ciclabile d’emergenza dal quale il comune ha tratto lo spunto per le corsie ciclabili tracciate a partire da maggio. Ora siamo onorati di dare il nostro contributo nel processo partecipato della creazione del Biciplan.
Ci aspettiamo che la Città Metropolitana prenda in seria considerazione le nostre proposte che oltre ad arrivare da persone che la bici la usano arrivano anche da tecnici esperti del settore” ha dichiarato Romolo Solari, presidente di FIAB Genova.
Marco Veirana, presidente di FIAB Tigullio, ha posto l’accento sul “ruolo positivo che la Città Metropolitana può e ci auguriamo eserciti per guidare – come abbiamo scritto nel documento che presentiamo – il confronto e il dialogo fruttuoso fra i comuni del Tigullio e non solo con un progetto tecnico unitario che possa rendere più omogenea e connessa la rete ciclabile fra i comuni” FIAB ritiene che la legge sulla mobilità ciclistica abbia costituito una pietra miliare nella mobilità sostenibile del nostro paese. La bici viene elevata a pari dignità con gli altri mezzi di trasporto e la rete ciclabile a pari dignità con la rete stradale com’è già in molti atri paesi europei.
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità