Finanziamenti a sostegno della mucca Cabannina, che fine hanno fatto? L'interrogazione

Domenica 16 settembre a Farfanosa gli allevatori hanno protestato con tanto di striscioni

Finanziamenti a sostegno della mucca Cabannina, che fine hanno fatto? L'interrogazione
Valli ed entroterra, 21 Settembre 2018 ore 09:59

Il consigliere regionale Giovanni Boitano ha presentato stamane venerdì 21 settembre alla giunta e all’assessore competente una interrogazione per sapere quali motivi hanno causato i gravi ritardi nella concessione dei finanziamenti a sostegno della “razza Cabannina” e i tempi certi entro i quali gli allevatori potranno beneficiare delle risorse previste dal Psr 2014/2020.

La protesta degli allevatori domenica 16 a Farfanosa con gli striscioni

“In occasione di diversi incontri gli allevatori partecipanti al bando speranzosi di ottenere finanziamenti indispensabili per la salvaguardia della razza, ma anche per mantenere posti di lavoro e prevenire il dissesto idrogeologico – spiega Boitano – hanno manifestato le loro preoccupazioni a causa dei ritardi”. Domenica 16 settembre durante la 15^ Mostra della razza Cabannina svoltasi in località Farfanosa nel Comune di Rezzoaglio hanno manifestato attraverso un vistoso striscione tutto il loro disappunto.

La mucca Cabannina rischia l'estinzione

“Nella vallate della Città Metropolitana di Genova e in modo particolare nell’entroterra Tigullio la mucca Cabannina, circa 300 capi, rischia l’estinzione – conclude Boitano – non a caso la razza è stata inserita nel Piano di Sviluppo Rurale della Regione Liguria tra quelle da salvaguardare”.

Le risorse previste dal Psr 2014/2020 sottomisura 10.1C  “Allevamento di specie di animali locali in via di estinzione” sono pertanto importantissime per la salvaguardia della razza.