dopo la strage di stresa

Funivia di Montallegro chiusa, Bagnasco porta il caso in Parlamento

Interrogazione urgente al ministro Giovannini: si rischia di non vederla ripartire per le prossime feste di luglio

Funivia di Montallegro chiusa, Bagnasco porta il caso in Parlamento
Cronaca Rapallo - Santa Margherita, 18 Giugno 2021 ore 15:39

“Abbiamo presentato, al Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, un’interrogazione parlamentare sulla funivia del santuario “Nostra Signora di Montallegro” di Rapallo, l’unica attiva in Liguria”: l’intervento è del deputato rapallese di Forza Italia Roberto Bagnasco, che insieme al collega Roberto Cassinelli lamenta il protrarsi della chiusura dell'impianto a fune, l'unico in Liguria, che potrebbe compromettere lo svolgimento delle prossime feste patronali di luglio.

"L’impianto vanta una storia quasi secolare - prosegue Bagnasco - (è infatti stata inaugurata nel 1934) e collega la valle del Rio San Francesco con il santuario di Montallegro, una funivia sulla quale, come ha ricordato lo stesso Sindaco di Rapallo, vengono effettuate continue verifiche per quanto riguarda la sicurezza. La funivia Rapallo-Montallegro è chiusa dal 26 maggio scorso per lavori di manutenzione da tempo programmati. L’ingegnere Enrico Perocchio (lo stesso ingegnere che ricopriva il medesimo incarico alla funivia Stresa-Mottarone, arrestato e poi rilasciato in quanto coinvolto nell’inchiesta sulla recente tragedia) è il direttore d’esercizio della funivia ligure. Dato che Perocchio avrebbe dovuto stabilire la conformità dell’impianto di Rapallo e autorizzarne la ripartenza, ma il suo coinvolgimento con la tragedia del Mottarone impedisce di rilasciare l’autorizzazione al funzionamento dell’impianto ligure - concludono Bagnasco e Cassinelli - si chiede di autorizzare al più presto la nomina del nuovo direttore di esercizio della funivia di Rapallo”.