Punto di ritrovo

Gestito da Carmelo “Vinicio” Entuli ha riaperto il mitico campetto dei frati

Nei momenti bui del lockdown, il gestore non era contattabile e ha fatto allertare persino la Municipale

Gestito da Carmelo “Vinicio” Entuli ha riaperto il mitico campetto dei frati
Chiavari - Lavagna, 14 Luglio 2020 ore 10:45

Dopo quasi quattro mesi di chiusura, lo storico impianto dei frati di via Trieste ha riaperto dopo il lockdown. Lo scorso venerdì 26 giugno, infatti, si è disputata la prima partita amichevole tra due compagini composte da diversi ragazzi del luogo.

Punto di ritrovo

Davanti agli occhi del popolare “Vinicio”, Carmelo Entuli all’anagrafe, gestore del campo dove hanno giocato generazioni di chiavaresi e di calciatori locali. Vinicio compie quest’anno le nozze d’oro con la struttura dalla quale è legato ormai in modo indissolubile:

“La storia di Chiavari continua – ha annunciato divertito e soddisfatto il popolare Vinicio -. Rispetto a prima anche qui al campo abbiamo effettuato i dovuti controlli anti contagio”.

Con il termometro elettronico alla mano, Vinicio ha misurato la temperatura corporea a tutti i giocatori, prima del calcio di inizio della sfida amichevole:

“Sono molto contento anche se gli anni passano e sono meno dinamico rispetto al passato. A dir la verità non pensavo più che arrivasse questo giorno di ripartenza anche per il nostro settore. E invece il virus ha dato l’opportunità e la voglia ai ragazzi di venire a giocare, di fare sport e di stare insieme. Se prima si riusciva a prenotare il campo nell’arco di due giorni ora ci vogliono settimane: abbiamo una lunga lista di prenotazioni e ne sono ben felice”.

Nei momenti bui del lockdown, “a Vinicio” si è rotto anche il cellulare, con il quale comunicava sui social e con i tanti amici conosciuti in questi anni:

“C’è stata grande preoccupazione per me. Addirittura dopo circa 15 giorni che non mi facevo sentire mi ha suonato a casa, un agente della Polizia Municipale di Chiavari per chiedermi come stavo e se avessi avuto bisogno di qualcosa. In tanti erano preoccupati per me e li ringrazio per il pensiero”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità