Menu
Cerca
La sorpresa

Giovanni De Ferrari ci porta alla scoperta dell’altare misterioso sulle pendici del Caucaso

Il libro del giovane imprenditore di Gattorna, un atto d’amore nei confronti delle due figlie

Giovanni De Ferrari ci porta alla scoperta dell’altare misterioso sulle pendici del Caucaso
Cronaca Valli ed entroterra, 15 Giugno 2020 ore 09:34

Un atto d’amore nei confronti delle figlie Adele e Vittoria, della famiglia e soprattutto del territorio dove è nato, vive e lavora.

La sorpresa

Si può sintetizzare così il suo libro  “L’altare misterioso”, acquistabile in formato cartaceo su  www.mondadoristore.it oppure in versione eBook nelle più importanti librerie online (Amazon, Ibs, Kobo, Hoepli, ecc.). Giovanni De Ferrari, l’autore, a dire il vero usa un’altra frase,  “Pensa, credi, sogna e osa”  di Walt Disney che riassume perfettamente i motivi di come è nata l’idea di scrivere un libro.

“È iniziato tutto per gioco una calda domenica d’ estate – racconta –   ricordo bene quel giorno perché ero da poco diventato papà per la seconda volta. Qualche settimana prima, durante la gravidanza di mia moglie avevo promesso ad Adele, la mia primogenita, che per festeggiare la nascita della sua sorellina saremmo andati a caccia di un fantomatico tesoro nascosto ai piedi del monte Caucaso”.

Tutto ruota intorno alla famosa roccia conosciuta come la “pietra cavallina” una caratterista unica del territorio.

“Disegnai una mappa e sparpagliai una serie di indizi lungo il sentiero che da Barbagelata si snoda fino alla vetta del monte – conclude De Ferrari – finalmente il fatidico giorno arrivò. Non potete immaginare la gioia e lo stupore negli occhi di mia figlia quando a fine giornata, dopo una lunga ricerca riuscì a trovare il tesoro! Avevamo passato una giornata splendida; noi due soli in mezzo a quella natura incontaminata, la vista delle Alpi da una parte, il mare, incorniciato dagli inconfondibili promontori di Portofino e Sestri Levante dall’altra: uno spettacolo veramente unico”.

Lo scorso anno, entro pochi mesi, il volume è stato scritto, a Natale era già pronto. Tre i racconti  principali, nati dalla fantasia dell’autore, che si intrecciano tra loro e riguardano la “pietra cavallina”, l’entroterra, il Tigullio e l’emigrazione. Insomma, ora bisogna solo leggerlo.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli