Menu
Cerca

Il 17 aprile la presentazione dell’Antola-Tigullio

Progetti fondamentali per i cittadini, che riguardano gli interventi da attuare per il rilancio della vallata, a sostegno della popolazione in ambito sociosanitario, scolastico e del sistema dei trasporti

Il 17 aprile la presentazione dell’Antola-Tigullio
Valli ed entroterra, 04 Aprile 2019 ore 12:21

In queste ultime settimane sono molte le iniziative legate alla Strategia Nazionale Aree Interne ad aver visto la luce in Liguria, contro lo spopolamento e per lo sviluppo dell’entroterra.

Il 17 aprile ANCI Liguria ha organizzato un incontro in sede, a Genova, per presentare i progetti di imminente realizzazione dell’area interna “Valli dell’Antola e del Tigullio”, con i 16 sindaci, Regione Liguria, A.Li.Sa. e la Rete di scuole. Progetti fondamentali per i cittadini, che riguardano gli interventi da attuare per il rilancio della vallata, a sostegno della popolazione in ambito sociosanitario, scolastico e del sistema dei trasporti.

Cosa comprende l’area interna “Valli dell’Antola e del Tigullio”

L’area interna “Valli dell’Antola e del Tigullio” è la “più antica”, ovvero la prima individuata in Liguria, si estende nell’entroterra della Città Metropolitana di Genova e comprende 16 Comuni, tutti montani: Bargagli, Borzonasca, Davagna, Fascia, Fontanigorda, Gorreto, Lumarzo, Mezzanego, Montebruno, Ne, Propata, Rezzoaglio, Rondanina, Rovegno, Santo Stefano D’Aveto e Torriglia.

Un lavoro di squadra

Tutti i progetti pensati sono realizzabili grazie alla regia del CNAI, Comitato Nazionale Aree Interne, coordinato dalla dott.ssa Sabrina Lucatelli, e del suo staff tecnico (dottori Mia Scotti, Daniela Luisi e Francesco Silvestri), al coordinamento di Regione Liguria con gli assessorati e dipartimenti interessati (assessori allo Sviluppo economico Andrea Benveduti, alla Sanità Sonia Viale, all’Istruzione Ilaria Cavo, all’Agricoltura, Pesca ed Entroterra Stefano Mai, al Lavoro e Trasporti Gianni Berrino, con il dipartimento Sviluppo economico con le dott.sse Gabriella Drago ed Elice Bacci), e al coordinamento tecnico di ANCI Liguria.

Condividi