Il Caseificio Val d'Aveto passa alla Sabelli di Ascoli Piceno

Le famiglie fondatrici Cella-Pastorini e Fontana restano azioniste di minoranza

Il Caseificio Val d'Aveto passa alla Sabelli di Ascoli Piceno
Valli ed entroterra, 03 Aprile 2018 ore 14:21

Il Caseificio Val d’Aveto non è più ligure. L'azienda è stata acquisita dalla Sabelli, una tra le maggiori industrie casearie italiane a compagine familiare, con sede ad Ascoli Piceno. Il Caseificio Val d'Aveto è nato più di 25 anni fa con la produzione di formaggi tipici liguri e si è specializzato successivamente nella produzione di yogurt con l'antica tecnica della colatura. Gli azionisti fondatori, le famiglie Cella-Pastorini e Fontana, rimarranno con quote di minoranza.

Le famiglie fondatrici Cella-Pastorini e Fontana restano azioniste di minoranza

“Siamo orgogliosi - ha detto Graziella Pastorini, presidente e rappresentante degli azionisti di Caseificio Val d’Aveto - che un Gruppo come Sabelli si sia avvicinato alla nostra realtà ed abbia deciso di proporci di entrarvi a farne parte. La nostra organizzazione commerciale potrà beneficiare dei canali di Sabelli e confidiamo che i nostri prodotti – tra i quali spicca sicuramente il nostro yogurt colato- possano essere apprezzati da un numero sempre più crescente di consumatori in Italia ed anche all’estero. Stiamo raddoppiando le linee produttive per stare dietro alle richieste del mercato e l’ingresso di Sabelli ci sarà sicuramente di aiuto”.