Menu
Cerca
Rapallo

Il mercato è tornato, ma “così non va bene”

Gli ambulanti propongono la loro soluzione

Il mercato è tornato, ma “così non va bene”
Cronaca Rapallo - Santa Margherita, 05 Giugno 2020 ore 07:28

Sono le 9:35 di giovedì mattina – primo giorno di mercato post pandemia – e in zona rotonda Marconi, numerosi commercianti non hanno ancora finito di allestire i loro banchi per la dilagante sensazione di scoramento che aleggia nell’aria.

Rapallo

Un orario decisamente insolito dal momento in cui – in condizioni normali – le sedi di lavoro degli ambulanti che affollano il mercato settimanale, sono già perfettamente operative da almeno un’ora e mezza.

“Qui non passa nessuno, non c’è alcun anello di congiunzione e siamo completamente isolati – spiega Pino Santoro – Sono già stati due mesi terribili, ora non possiamo anche trovarci dinnanzi alla distinzione tra ambulanti di serie A e di serie C (la B non viene neppure contemplata)”.

Gli fa eco Salvatore Sanso, invocando – per la prossima settimana – una diversa distribuzione degli spazi.

“È giusto e doveroso riorganizzare i banchi per mantenere le distanze di sicurezza, ma nel momento in cui il lungomare è chiuso e le auto che transitano da via Gramsci devono necessariamente tornare indietro, non si potrebbe sfruttare quest’area e la rotonda di piazza IV Novembre per non creare una simile disgregazione del mercato?”.

È questo, a grandi linee, il progetto ideato da alcuni rappresentanti della categoria che sarà sottoposto al vaglio della dell’amministrazione e della Polizia Municipale.

“Siamo qui col freno a mano tirato – commenta Michelino Di Naro, anche lui collocato nell’area “maledetta” – Come primo appuntamento non ci aspettavamo di certo il pienone, ma neppure una simile desolazione – spiega – almeno qui dove siamo noi. Quel che più amareggia è che siamo stati tagliati fuori senza neppure esser stati interpellati, mentre ci sono spazi limitrofi che potrebbero a nostro avviso essere sfruttati meglio”.

È però lo stesso Di Naro a spezzare una lancia in favore dell’amministrazione:

“La gran parte dei Comuni della Riviera è rimasta inerme, non sapevano come collocarci e hanno quindi preferito non far ripartire i mercati. Qui almeno qualcosa si è mosso”.

Ed è un po’ il medesimo concetto che si respira sul lungomare, dove l’umore degli ambulanti è di tutt’altro genere:

“Rapallo è stato il primo Comune che ha cercato di fare qualcosa per noi – commenta Enzo Costantino – Direi che è andato tutto bene, all’80%. Resta qualcosa da migliorare, come l’ubicazione di alcuni nostri colleghi, ma devo fare i miei complimenti”.

Pannelli informativi affissi dalla Polizia Municipale sui lampioni, ricordano in più lingue l’obbligo di indossare mascherine e mantenere le distanze. Agenti in divisa e in borghese presidiano l’area per verificare la corretta applicazione delle disposizioni: c’è chi si è attrezzato con catenelle, chi frappone la merce tra gli avventori per indicare le distanze, chi ha guanti, igienizzante e mascherine da fornire a chi ne fosse sprovvisto:

“Ognuno si salvaguarda come può – commenta Giuseppe Lombardo – diciamo che prevale il buon senso». Nel “salotto buono” del mercato, dicevamo, l’umore è positivo: «Sta andando bene – assicura Armando Ciregia – Per essere il primo giorno, avrei creduto un’affluenza più esigua. Fosse sempre così, anche, nei prossimi mesi ci metterei la firma”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli