Il saluto alla città di Michele Lastella

Il successore di Michele Lastella alla compagnia di Chiavari, sarà il Maggiore Angelo Gerardi che si insedierà a fine mese; in attesa del cambio della guardia, il reggente è il Capitano Marco Polati

Il saluto alla città di Michele Lastella
Chiavari - Lavagna, 12 Settembre 2018 ore 14:18

Dopo 4 anni di servizio, il maggiore Michele Lastella, comandante della Compagnia dei Carabinieri di Chiavari, lascia il levante ligure. Già avvenuto, in questi giorni, il trasferimento presso il Nucleo Investigativo di Cagliari. Lunedì 27 agosto, il sindaco di Chiavari Marco Di Capua ha ricevuto a Palazzo Bianco il comandante, che in questi anni ha operato anche sui 26 Comuni limitrofi del comprensorio, per un saluto di commiato.

Michele Lastella già al lavoro a Cagliari

Quattro anni, un periodo forse breve, ma decisamente intenso: dalle indagini sui tentati omicidi e omicidi avvenuti nel territorio della compagnia alla terribile alluvione del novembre 2014. «Questi quattro anni forse sono volati, ma sono stati molto intensi, in cui tutti insieme abbiamo lavorato molto bene – racconta La Stella -. Ottenuti buoni risultati sia in termini di prevenzione, sia in termini di sicurezza. Penso, in particolare, alla diminuzione dei furti, ad aver garantito maggior sicurezza con l’arresto di più di 200 persone, al contrasto dei reati predatori e alla lotta contro lo spaccio di sostanze stupefacenti; un lavoro per essere stati più vicini alla popolazione. Dati importanti per me e per i miei uomini».

Prima di Chiavari, La Stella ha lavorato a Gallarate, comando a cui comprendeva anche la responsabilità dell’aeroporto di Milano Malpensa. Ora una nuova avventura professionale in Sardegna. «A Cagliari affronterò il nuovo incarico con entusiasmo. Chiavari è una bellissima realtà, ed io ho cercato di tenerla tale, posto al quale sicuramente rimarrò affezionato».

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo: