Menu
Cerca
Rapallo

Imu differibile fino al 31 luglio ma “chi può la paghi subito”

Tutte le misure fiscali d’emergenza adottate dal Comune di Rapallo

Imu differibile fino al 31 luglio ma “chi può la paghi subito”
Cronaca Rapallo - Santa Margherita, 21 Giugno 2020 ore 10:07

Sono state sospese fino al 31 luglio le sanzioni e gli interessi dovuti per il tardato pagamento dell’Imu, la tassa sulla casa che andrà a regolare scadenza il prossimo 16 giugno.

Imu

Un provvedimento, varato nei giorni scorsi dalla giunta comunale, che concede di fatto la possibilità di dilazionare i termini di pagamento di oltre un mese e mezzo rispetto alla naturale scadenza, in modo da agevolare le famiglie in temporanea difficoltà economica. Non si tratta tuttavia di uno slittamento tout court, precisano dal municipio di piazza delle Nazioni.

“Invito coloro che non hanno subito particolari danni economici a pagare comunque l’imposta entro la scadenza prestabilita del 16 giugno, facendo affidamento al proprio senso civico e nell’interesse della collettività” commenta infatti l’assessore al bilancio Antonella Aonzo che, in accordo con il presidente del consiglio comunale Mentore Campodonico, ha proposto l’adozione della sospensiva.

La sospensione delle sanzioni Imu – evidenzia l’assessore al bilancio – si affianca ad altre misure economiche e tributarie approvate dalla giunta comunale nelle scorse settimane.

Tra i provvedimenti fiscali adottati dal Comune vi sono ad esempio il differimento al 30 giugno delle concessioni suolo pubblico (Cosap) e pubblicità (Cimp); i pagamenti Tari (tassa rifiuti) prorogati al 16 settembre sia per le abitazioni che per le utenze non domestiche. Stop agli accertamenti comunali e alle rateizzazioni in essere fino alla fine del mese, cancellazione parziale della Tari e della Cosap per tutte le attività chiuse che hanno subito un calo degli introiti o sono rimaste chiuse. Ampliamento dell’occupazione suolo pubblico ove possibile per tutte le attività senza alcun aggravio di imposte comunali fino al prossimo 31 ottobre, storno del canone di affitto dei locali sedi di associazioni di volontariato e contributi a favore delle imprese turistiche per confermare l’assunzione dei lavoratori stagionali come previsto dall’art 60 del Decreto Rilancio.

“Rapallo è il primo Comune ad attuare un numero così elevato di misure in favore di cittadini e commercianti – afferma il Sindaco Carlo Bagnasco – L’insieme di tutte queste iniziative rappresenta una manovra unica nel panorama nazionale e si unisce a una pressione fiscale già molto bassa – aggiunge il primo cittadino – Nel Comune di Rapallo infatti non viene applicata alcuna addizionale Irpef”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli